ISTJ – Gli ispettori, gli esecutori

Lug 15, 2011 by

ISTJ – Gli ispettori, gli esecutori

Questo è il test per sapere a quale tipo appartenete: Test MBTI.

In questo post potete trovare tutti i 16 tipi e scoprire informazioni sul vostro.

IMPORTANTE: La descrizione del tipo è utile per comprendere con quali schemi mentali la persona tende ad approcciarsi al mondo. L’intento originale di Jung era aiutare le persone a comprendere le proprie predisposizioni (funzione dominante) e i propri limiti (funzione repressa) per trovare un equilibrio. Sentirsi speciali per il tipo a cui si pensa di appartenere si chiama superbia, e anche per un motivo piuttosto stupido. Giustificare le proprie mancanze perché “che ci volete fare, d’altronde sono BISTFN” significa aver frainteso questo modello teorico. Il tipo non è legato alla vostra moralità e intelligenza: persone dello stesso tipo hanno i più diversi valori, esperienze, capacità, idee, che incidono sulla personalità e non sono prevedibili dall’MBTI. Non esistono tipi migliori di altri, davvero. E se pensi che sotto sotto il tuo lo sia e tu sia meglio di buona parte della popolazione mondiale, la redazione consiglia di leggere più a fondo per comprendere meglio la teoria, la sua portata e i suoi scopi.

Soprannome

Gli ispettori, gli esecutori.

«Faccio tutto nel modo giusto.»

  • Dominante: Sensazione introversa (Si)
  • Secondaria: Pensiero estroverso (Te)
  • Terziaria: Sentimento introverso (Fi)
  • Repressa: Intuizione estroversa (Ne)
George Washington Papa Ratzinger Eisenhower Hobbes Bersani
Mitt Romney Elisabetta II Robert De Niro Hillary Clinton Chuck Norris

Arthur Wellington, Stonewall Jackson, Warren Buffett, Ayaan Hirsi Ali, Xenophon, Richard Nixon, Condoleezza Rice, Erich von Manstein, Sean Connery, Anthony Hopkins, Natalie Portman, Danica McKellar

Darth Vader

Skinner

Soichiro Yagami (Death Note)

Moseby (Zack & Cody)

Greg (Dharma & Greg)

Luke (Una mamma per amica)

Fin Tutuola (Law & Order)

Doug Stamper (HoC)

Eddard Stark (GoT)

Stannis Baratheon (GoT)

Skinner è un esempio di ISTJ che non ha sviluppato la forza e la fermezza a causa del forte influsso della madre durante infanzia e adolescenza.

Per altri esempi di personaggi famosi e dei loro tipi psicologici, andate su http://www.celebritytypes.com.

Monologo

Sono una persona realistica, contro le insensatezze. Alcuni pensano che sia «vecchio stile» – e a volte lo sono – ma non è perché penso che le idee piú vecchie siano intrinsecamente migliori. Semplicemente trovo saggio essere preparato e sapere come approcciarsi ad un problema per ottenere il risultato che vuoi. È utile per sapersela cavare da soli senza dover chiedere a qualcun altro. È l’unico modo per avere le cose sotto controllo, davvero. Alcuni pensano che tutto ciò che faccio sia lavorare – ma non è vero. Mi piace anche divertirmi – semplicemente preferisco portare a termine i miei compiti cosí da potermi rilassare e divertire sentendomi a mio agio. Mi piace costruirmi un sistema di conoscenze pratiche e abilità reali che mi permettono di relazionarmi a ciò per cui mi sento portato. Non ha senso cercare di sapere tutto saltando in milioni di aree diverse – è importante sapere cosa fai bene e impegnarti in quelle cose. Devo avere un senso della direzione – spesso guidato da ciò che ho imparato attraverso le mie esperienze – ed è molto importante per me fare ciò che dico e dire ciò che faccio, quando sto per farlo. Se non sono d’aiuto per rendere piú stabile la vita degli altri, come posso aspettarmi che lo sia la mia?

È un Tipo Psicologico molto diffuso soprattutto nella popolazione maschile. Sono soprannominati “guardiani”, perché si interessano molto nel preservare e proteggere i modi passati di fare le cose. Come i loro cugini ISFJ, gli ISTJ generalmente crescono attaccati alla routine e alle cose familiari, che danno loro sicurezza e stabilità. Maggiormente faranno qualcosa in una certa maniera, maggiormente sarà difficile far loro provare nuove cose. Difficilmente rischiano o si fanno trascinare dagli impulsi, se non hanno un’esperienza propria o altrui sulla quale basarsi con certezza; in ogni caso, raramente si comportano diversamente dalle proprie abitudini. Preferiscono avere un piano ben preciso sul futuro, sulle cose da fare e sulle relazioni. Lo stesso vale per i loro valori e la loro visione del mondo: molti ISTJ continuano a mantenere le convinzioni e tradizioni con le quali sono cresciuti.

Anche per questo, gli ISTJ sono spesso visti come chiusi di mente e testardi; in realtà sono più tolleranti di quanto molti credano. Siccome la loro funzione dominante è di tipo percettivo, gli ISTJ sono inclini alla subordinazione piuttosto che assumere un ruolo di controllo e dominante. Ciò è comune soprattutto in ambiente lavorativo, dove gli ISTJ tendono ad essere degli ottimi collaboratori e lavoratori. Ma nel tempo libero, la gran parte degli ISTJ sa come rilassarsi, una cosa che la controparte estroversa (ESTJ) fatica a capire. In altre parole, gli ISTJ sono molto più “umani” e meno meccanici di come spesso vengono dipinti.

Gli ISTJ spesso sono poco in grado di capire al volo i rapporti di convivenza, ma sono decisamente tattici e logici. Sono spesso molto bravi in lavori di controllo, ispezione, burocrazia ed amministrazione, con una pazienza e tranquillità sconosciuta ad altri Tipi, che permette loro di lavorare serenamente, con larga autonomia, efficienza e prudenza. Serietà e sicurezza nei propri obiettivi sono spesso doti ammirate, dai colleghi quanto dai superiori.

Non essendo particolarmente emotivi, ed essendo spesso incapaci di capire le emozioni altrui, sono visti come freddi e distanti: non significa che non provino emozioni: semplicemente, non le esternano. Gran parte dei loro sentimenti sono spesso personali, unici ed intimi, ed anche gli amici e i parenti più stretti raramente li sentiranno parlare di ciò che provano.

In sostanza, gli ISTJ sono tra i più tranquilli, sicuri, responsabili ed abitudinari tra i Tipi Psicologici. Sono degli amici leali, compagni devoti, ammirati per la perseveranza e la fermezza che mettono tanto nel lavoro quanto nella vita privata.

La descrizione di cui sopra è concisa, per avere un’idea generale di come sia questo tipo psicologico. Una descrizione che vada più nel dettaglio e in profondità si può leggere cliccando qui:

Descrizione dettagliata del Tipo ISTJ e delle sue Funzioni

Funzione Dominante: la Sensazione Introversa (Si)

La Sensazione Introversa è la funzione dominante degli ISTJ. Gli ISTJ non ricercano continuamente nuove sensazioni, nuove esperienze o nuovi beni materiali. Preferiscono di gran lunga una vita routinaria e prevedibile, che fornisce loro sicurezza e tranquillità.

Si è anche la funzione che riguarda la conservazione e la tradizione, entità sentite dagli ISTJ come costituenti del loro modo d’essere. Sono profondamente convinti delle informazioni e delle esperienze che fanno. Raramente un ISTJ si sentirà a suo agio nell’infrangere una regola, o nel deviare da un modo di fare prestabilito: se non sentono intimamente la necessità di cambiare un modo di fare, che sia personale o che sia una formalità, allora non lo cambiano. Preferiscono di gran lunga sapere cosa aspettarsi, conoscere i piani nei minimi particolari. Gli ISTJ, a volte, sono spesso percepiti come chiusi mentalmente, testardi, o comunque sicuri delle loro idee in maniera rigida. Ciò, naturalmente, non rende gli ISTJ dei cocciuti ignoranti e babbei: semplicemente, sono molto convinti delle proprie posizioni. La funzione Si, inoltre, ricevendo le esperienze esattamente per come sono, contribuisce a creare una salda memoria, in grado talvolta di ricordare anche molti dettagli.

Poiché si tratta di una funzione percettiva, gli ISTJ sono meno inclini ad essere degli attivisti in prima persona rispetto a ciò che professano, studiano o credono; preferiscono spendere del tempo a riflettere, specie sui fatti del passato e sulle convenzioni. Molti ISTJ si prodigano in servizi o studi religiosi, attività in genere molto consone alla loro Si dominante. Ad ogni modo, non significa che ogni ISTJ sia un fervente religioso: semplicemente, l’attività religiosa, di qualsiasi forma e natura, spesso è vista come “tradizionale e convenzionale”, ed è spesso praticata da questo Tipo.

Un’altra caratteristica centrale della funzione Si è la coscienza del proprio corpo. Gli ISTJ sono perfettamente certi del funzionamento del proprio fisico, di ciò che necessita per essere soddisfatto e che segnali manda quando è turbato. Gli ISTJ sono molto acuti rispetto agli stimoli sensoriali, che siano tattili, visivi, di gusto eccetera, e talvolta anche ipersensibili alle stimolazioni eccessive (luci forti, calore intenso). Gli ISTJ possono sentirsi molto più irritati rispetto agli altri Tipi se non si sentono fisicamente a loro agio, se sono malati, affamati o insonni. Anche sensazioni normali possono essere molto amplificate, facendole mostrare quasi come segni di malattia.

Gli ISTJ, a causa di questo, sono spesso considerati come conservatori (e la gran parte delle persone di questo Tipo non cambia opinione politica o religiosa in virtù di questo), ma non bisognerebbe considerarlo come tale, siccome ha semplicemente una forte sicurezza di ciò che apprende tramite l’esperienza. Gli ISTJ, inoltre, insieme agli ISFJ, ci ricordano su quali passi siamo già passati, tracciano gli errori del passato e ci aiutano a non ripeterli. Ciò potrebbe sembrare molto limitativo, specie per gli N dominanti (ma forse sono questi ultimi ad avere la testa troppo tra le nuvole…)

Funzione ausiliaria/secondaria: il Pensiero Estroverso (Te)

Te è la funzione che permette e favorisce la tendenza degli ISTJ ad esprimere direttamente i propri giudizi e opinioni, formando un “pensiero a voce alta”. Questa tendenza può essere, al contempo, sia una forza che una debolezza: se, da un lato, permette agli ISTJ di mostrarsi come affabili e sicuri di sé, con la convinzione che “la miglior difesa è l’attacco”, dall’altro lato potrebbero apparire bruschi, dogmatici o soffocanti. Agli ISTJ potrebbe spesso capitare di dare dei giudizi che, pensandoci in un secondo momento, avrebbero preferito evitare di formulare o mitigare il modo in cui li hanno affermati.

Essendo il Pensiero una funzione estroversa, gli ISTJ possono sembrare freddi, distanti e mancanti di empatia. Detestano quando vengono interrotti mentre parlano, ma capita spesso che siano loro a interrompere gli altri. Gli ISTJ, in realtà, non hanno grande interesse nel preservare l’armonia sociale. Sono poco connessi con i sentimenti altrui e le sensazioni che gli altri provano, spesso totalmente ignari.

Un tratto tipicamente ISTJ è il trattare i dati di fatto come se fossero giudizi. Ad esempio, se qualcuno dice «sono stato al supermercato, c’erano una cinquantina di clienti e almeno 45 erano stranieri» un ISTJ contro il razzismo potrebbe considerare questa come un’affermazione razzista e contrariata dalla presenza straniera, mentre in realtà si trattava di una semplice constatazione. In generale, qualsiasi domanda, curiosità o affermazione totalmente priva di connotazioni morali, etiche, religiose o politiche, può essere trattata dagli ISTJ come se invece lo fosse. Inoltre, in situazioni del genere, quasi sempre l’ignaro interlocutore si troverà costretto a confrontarsi con la salda opinione dell’ISTJ.

Agli ISTJ, comunque, importa cercare l’ordine, la razionalità ed il controllo delle operazioni e delle organizzazioni. Gran parte dei loro interessi sono incentrati sulla quantificazione, il calcolo e gli schemi, insistendo in particolar modo sugli obiettivi standard, realistici e misurabili. Ad un ISTJ non interessano né la speculazione, né le ambiguità: descrive esattamente come fare questo o quello, come andare dal punto A al punto B.

Queste capacità rendono gli ISTJ particolarmente adatti per lavori d’ufficio, di contabilità e di burocrazia. Spesso capiscono che cosa non segue le regole, che cosa esce dai binari. Nel qual caso, si impegnano, anche in modo autoritario se necessario, per far sì che i doveri e la giustizia vengano rispettati. Generalmente non assumono posizioni di comando o di guida, preferendo lavorare in autonomia e tranquillità, ma in caso di necessità raramente si tirano indietro.

Funzione terziaria: il Sentimento Introverso (Fi)

Gli ISTJ sono interessati all’analisi dei propri valori personali e dei propri sentimenti. Sono “ego-centrici” nel senso buono, ovvero con un grande rispetto e interesse per ciò che concerne la loro indipendenza e la loro individualità. Tuttavia, questo interesse non sempre si traduce in azione concreta o in una riflessione dettagliata e profonda, poiché la Fi è la funzione terziaria, e spesso le emozioni paiono agli ISTJ lontane e difficili da raggiungere e comprendere.

La Fi si attiva per regolamentare e costruire una struttura interiore, personale e ben definita, indipendentemente dalle convenzioni. Non riuscendo, tuttavia, ad avere una forte presa sul proprio mondo interiore, gli ISTJ preferiscono controllare quello esteriore, sperando inconsciamente di risolvere la propria naturale insicurezza.

Poiché si tratta di una funzione introversa, agli estranei potrà sembrare difficile, se non talvolta impossibile, avere accesso alle emozioni degli ISTJ. Il Sentimento, essendo in posizione terziaria, è superato dal Pensiero, che è decisamente più evidente dall’esterno. Questo non significa che gli ISTJ siano freddi e meschini nonostante, come detto poc’anzi, spesso appaiano indifferenti e distanti: semplicemente, raramente condividono i propri sentimenti o valori, preferendo che essi rimangano dentro di loro. Le loro emozioni appaiono invece in maniera evidente quando gli ISTJ subiscono critiche alle proprie idee: spesso e volentieri, le sentono come una critica alla propria persona. In questo caso diventano molto irritabili, pronti a reagire e difendersi.

Nel momento in cui iniziano a sviluppare questa funzione, gli ISTJ diventano sempre più consapevoli dei propri sentimenti, ma anche di quelli altrui. Iniziano ad apprezzare e riconoscere i meriti degli interessi soggettivi, cominciano a comprendere che la verità non risiede soltanto nella pura razionalità e nel controllo schematico (Te), ma anche in ciò che si prova nella propria esperienza personale (Fi). Diventano, così, maggiormente tolleranti ed empatici, anche verso coloro di pensiero e visione del mondo distanti.

Funzione inferiore/repressa: l’Intuizione Estroversa (Ne)

Per la propria crescita personale, è fondamentale che gli ISTJ tengano conto della loro funzione inferiore, l’Intuizione Estroversa. Come tutti i Tipi, gli ISTJ potrebbero sentirsi accecati dalla forza con cui la funzione repressa si esprime nel conscio ed influenza le proprie decisioni, nonostante esse rimangano in gran parte inspiegate.

Questa funzione si occupa di generare e connettere le idee, di fare brainstorming, di cercare nuove teorie, di esplorare varie opzioni e possibilità. Siccome questa ricerca viene compiuta praticamente ovunque, è decisamente imprevedibile e molto dispersiva e destabilizzante. Inoltre, connettere insieme eventi separati risulta faticoso per gli ISTJ: difficilmente vedono il grande quadro complessivo, poiché si concentrano molto sui singoli dettagli. Questa funzione si esprime è attraverso una sorta di “obiettivo ideale” pensato per la propria crescita personale, come se questo, alla fine, promettesse il bilanciamento interiore e la completezza.

Un altro modo tipico è tramite la lettura di testi impegnativi, un’attività che permette di assorbire nuovi concetti, idee e teorie. Gli ISTJ potrebbero, dunque, leggere avidamente molti libri o riviste: ma siccome la Ne è una funzione repressa, inconscia, quest’attività risulterà molto stancante, essendo gli ISTJ per niente abituati né affini a letture pesanti, lunghe e complicate.

Uno dei modi senza dubbio peggiori in cui la Ne si manifesta è il gossip: esso procaccia nuove informazioni, notizie bomba e quant’altro. Gli ISTJ sentono spesso la necessità di parlare di tutto e di tutti, di inventare nuove idee fantasiose, di connettere eventi del tutto sconnessi tra di loro al solo fine di creare un nuovo, fantastico scenario. Oppure, potrebbero propagandare avidamente visioni religiose, opinioni politiche, teorie del complotto, senza necessariamente comprendere a fondo il loro significato. Sotto stress, in particolare, gli ISTJ tenderanno a manifestare la Ne in maniera paranoica, dispersiva e catastrofica, vedendo ovunque minacce alla propria persona e al proprio mondo.

Gli ISTJ usano questa funzione anche per innovare il loro modo di approcciarsi agli altri (Te), modificando il rigore e la pragmaticità che caratterizza il loro modo di esprimersi. Oppure, si manifesta ricercando nuovi modi di vedere il mondo; le ISTJ donna, in particolare, apprezzano moltissimo la compagnia dei bambini, in quanto permettono loro di osservare le cose in maniera innocente, essenziale e pura, che viene percepita come del tutto nuova.

L’esplorazione della funzione inferiore avviene tramite l’utilizzo della funzione dominante: di conseguenza, gli ISTJ faranno esperienza dell’ebrezza di cercare cose nuove tramite le linee guida della dominante Si. In altre parole, sono aperti a cercare nuove idee e interpretazioni, ma con il limite determinato dall’esperienza personale, dalla propria visione del mondo, e dalla necessità di integrare la novità con la sicurezza. Di conseguenza, gli ISTJ potrebbero sembrare aperti e curiosi per certe cose, ma decisamente chiusi e remissivi rispetto a ciò che potrebbe destabilizzare il loro modo di vivere.

Integrando la Ne, gli ISTJ impareranno ad accettare chi la pensa diversamente da loro, anche se questa visione è totalmente opposta. Ciò potrebbe condurre, in ultima analisi, a trovare il coraggio di rivedere anche la loro personale visione del mondo, correggerla e migliorarla.

Gli ISTJ più mentalmente aperti capiranno che chiudersi in se stessi e nelle proprie convinzioni, agendo in maniera paranoica e protezionista, non li aiuterà di certo a conseguire la pace e la tranquillità che cercano. È assolutamente fondamentale, infatti, che sappiano trovare un equilibrio tra ciò che hanno sperimentato ed imparato, e che fonda il loro modo di essere e vivere (Si), con le novità e le aperture, ed anche i misteri e le ambiguità, che assicurano curiosità e voglia di cercare (Ne).

Se alla fine del test è spuntata la scritta “potrebbe essere presente un loop”, allora ti consigliamo di leggere anche questa scheda!

Loop

Il Loop consiste nell’inversione delle funzioni centrali, l’ausiliaria e la terziaria, inversione che si presenta costantemente o solo in particolari situazioni. Cosa significa? Normalmente, ci sono una funzione estroversa e una introversa tra le prime due funzioni (Dominante e Ausiliaria) così come nelle ultime due (Terziaria e Repressa). In un Loop, questo equilibrio si spezza, portando ambedue le funzioni estroverse per i Tipi Estroversi in cima, ed ambedue le funzioni introverse per gli Introversi. Nel caso del Tipo ISTJ, il Loop consiste nello scavalcamento della Fi sulla Te, accostando Si/Fi. Il Loop degli ISTJ e le sue conseguenze è in gran parte condiviso con il Tipo INFP.

Se spaventati da qualche esperienza passata fortemente negativa, specie se questa colpisce al cuore i sentimenti più profondi, gli ISTJ eviteranno gran parte delle interazioni sociali e interpersonali (definito anche come Disturbo Evitante di Personalità). Diverranno ipersensibili, e spesso si troveranno ad esagerare presunte intenzioni negative nelle azioni o nelle parole degli altri. Capiterà loro spesso di proiettare sugli altri la propria negatività, con uno schema mentale del tipo “se Io avessi fatto questo, mi sarei sentito male; se Io avessi detto questo, l’avrei detto in tutt’altra maniera…”. Penseranno, perciò, che questi pensieri corrispondano alla realtà, che gli altri si dovrebbero comportare esattamente come pensano loro.

Sentiranno, quasi costantemente, di avere problemi nel credere alle intenzioni degli altri, alle loro motivazioni, e si rifiuteranno di condividere la loro interiorità, anche con amici stretti e familiari. Risulteranno talmente sensibili da rifiutarsi di rischiare di farsi male, piuttosto che avete strette e profonde relazioni con gli altri. Se le due funzioni estroverse si rinforzeranno, gli ISTJ con loop riusciranno ad abbandonare gli spaventosi fantasmi del passato, ed apprenderanno l’importanza di aprirsi, di provare cose nuove e di cercare una comunicazione con le persone e il mondo esterno.

Fasi della vita

Fase 1 (adolescenza-20 anni)

In questa fase iniziare, gli ISTJ assorbiranno, integreranno e rifletteranno su tutto ciò che accade loro intorno, sulle loro esperienze e su ciò che imparano. In molti casi, raccoglieranno una serie di ricordi e fatti che fonderanno la loro futura visione del mondo.

Fase 2 (20 anni – 30 anni)

Una volta che gli ISTJ hanno ottenuto un certo il controllo, interiore ed esteriore, le funzioni inferiori inizieranno a farsi spazio. Così, inizieranno a riflettere sui propri sentimenti personali, e a ricercare nuove idee e ipotesi. Lo scontro con le funzioni dominanti porta gli ISTJ a sentirsi instabili, confusi ed insicuri, sino a quando un equilibrio sufficiente non sarà raggiunto.

Fase 3 (30 anni, 40 e oltre)

Se tutto procede adeguatamente e se sono abbastanza fortunati da entrare nella Fase III, gli ISTJ si renderanno sempre più conto dei modi in cui la propria funzione inferiore (Ne) si manifesta, garantendo una stabile e duratura sensazione di pace e completezza.

Hobbies tipici

Scacchi, Trivial Pursuit, videogiochi, guardare competizioni sportive, la ricerca di una buona forma fisica e sport solitari come il golf.

Revisore dei conti, contabile, amministratore, manager, pilota di linea, programmatore, analista di sistemi, elettricista, ingegnere ambientale, dentista, poliziotto, soldato o capo militare, giudice.

Ossessivo-compulsivo, disturbo evitante, paranoico.

Curiosità

  • Nei test di personalità i tratti emergenti sono: Metodico, costante, cauto e convenzionale.
  • Piú incline di altri tipi a soffrire di problemi cardiaci e ipertensione.
  • Piú incline di altri tipi a sperimentare forme di dolore cronico.
  • Tra i quattro tipi piú comuni al college.
  • Piú frequente della media tra gli afroamericani.
  • I valori personali includono la giustizia, il dovere, la sicurezza finanziaria.
  • I piú portati a creare un ambiente di lavoro in cui tutti fanno le cose “come si deve”
  • Sovrarappresentati tra i bancari, i manager finanziari e i piccoli imprenditori.
  • Trovati spesso in carriere di management, amministrazione, nel campo della giurisprudenza.

Gli ISTJ da bambini sono…

  • Anche da molto piccoli, sono molto seri, non sorrideranno spesso con gli estranei, e piangeranno raramente.
  • Giungono ben presto alla consapevolezza del proprio corpo, di quando dovranno mangiare, dormire, di cosa farà loro male, etc.
  • Probabilmente hanno un loro modo di fare le cose, e saranno tristi se questa “scaletta” non sarà seguita.
  • Si sentono molto sicuri in un ambiente noto, ed parecchio insicuri fuori. Ci metteranno molto tempo ad abituarsi a nuovi luoghi, date loro del tempo e non insistete.
  • Crescendo, ci metteranno tempo ad inserirsi in attività sociali, e detestano essere trascinati a celebrazioni ed eventi: non siate bruschi.
  • Non sorprendetevi se si tratta di un bimbo tranquillo, che si trova bene in solitudine: è pur sempre un tipo introverso.
  • Non hanno difficoltà alle scuole elementari: l’ordine, la routine e la sicurezza di formalità e gerarchie sono decisamente in sintonia con il loro modo d’essere.
  • Preferiscono, tuttavia, studiare una cosa alla volta, con calma, specialmente se si tratta di una materia pratica, con pochi concetti astratti.
  • Sono molto onesti, e si aspettano che gli altri lo siano con loro. In particolare, non siate ambigui ed astratti: sono pragmatici e diretti, non farete altro che irritarli!
  • Sono tipicamente più responsabili e maturi di altri. Durante l’adolescenza, però, correggono facilmente gli altri senza molto tatto. Insegnate loro che i sentimenti vanno rispettati.
  • Desiderano, crescendo, maggiore spazio ed intimità rispetto alle altre persone.
  • Avranno di certo amici, ma non per forza una cerchia ampia: preferiscono un gruppo piccolo, con pochi amici e cari.

Consigli per i genitori di bimbi ISTJ

  • Le novità li turbano, e non le accettano ad un primo sguardo. Spiegate, nei dettagli, ogni nuovo cambiamento nelle loro vite, e date loro il tempo di abituarsi.
  • Crescendo, date loro più cose da fare, fate assumere loro maggiori responsabilità: è molto positivo, e li aiuta con l’autostima. Se vi parlano di ciò che stanno facendo o hanno fatto, è preferibile che non li interrompiate.
  • Date loro istruzioni specifiche, anche i dettagli, e siate puntuali…in ogni caso, sia che parliate che illustrate loro qualcosa, siate logici.
  • Date loro da leggere enciclopedie, guide, manuali,  tutto ciò che non siano romanzi, e non stupitevi se sono loro a richiederli!
  • In generale, preferiscono riflettere sulle questioni, senza che le persone le interrompano: hanno bisogno del loro tempo, per pensare e comprendere il mondo.
Domande sul Tipo? Clicca qui!

Commenti

commenti

2 Comments

  1. IOSONOTUSEI

    Anche Darth Fener dovrebbe essere ISTJ

  2. sito

    Mi dispiace ma non credo che chi abbia concepito questo test abbia mai avuto le capacità per poter concepire un test del genere.
    A meno che non volesse darci il risultato opposto.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Indicatore Myers-Briggs, il primo passo alla ricerca di se stessi – E v o l v e r s i - […] ISTJ […]
  2. Indicatore Myers-Briggs, il primo passo alla ricerca di se stessi | E v o l v e r s i - […] ISTJ […]
  3. Anonimo - […] tra INFJ e INFP? (una coppia di risposte per 17 domande) Descrizione Profili (italiano):…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shared on wplocker.com