INTJ – Gli scienziati, i sistemisti

Lug 15, 2011 by

INTJ – Gli scienziati, i sistemisti

Questo è il test per sapere a quale tipo appartenete: Test MBTI.

In questo post potete trovare tutti i 16 tipi e scoprire informazioni sul vostro.

IMPORTANTE: La descrizione del tipo è utile per comprendere con quali schemi mentali la persona tende ad approcciarsi al mondo. L’intento originale di Jung era aiutare le persone a comprendere le proprie predisposizioni (funzione dominante) e i propri limiti (funzione repressa) per trovare un equilibrio. Sentirsi speciali per il tipo a cui si pensa di appartenere si chiama superbia, e anche per un motivo piuttosto stupido. Giustificare le proprie mancanze perché “che ci volete fare, d’altronde sono BISTFN” significa aver frainteso questo modello teorico. Il tipo non è legato alla vostra moralità e intelligenza: persone dello stesso tipo hanno i più diversi valori, esperienze, capacità, idee, che incidono sulla personalità e non sono prevedibili dall’MBTI. Non esistono tipi migliori di altri, davvero. E se pensi che sotto sotto il tuo lo sia e tu sia meglio di buona parte della popolazione mondiale, la redazione consiglia di leggere più a fondo per comprendere meglio la teoria, la sua portata e i suoi scopi.

Gli scienziati, i sistemisti, le menti superiori che operano dietro le quinte.

«Sono onnisciente.»

  • Dominante: Intuizione introversa (Ni)
  • Secondaria: Pensiero estroverso (Te)
  • Terziaria: Sentimento introverso (Fi)
  • Repressa: Sensazione estroversa (Se)
Isaac Newton Stephen Hawking Mark Zuckerberg Karl Marx Jodie Foster
Isaac Asimov Philip Dick Hegel Giovanni Falcone Casaleggio

Eraclito, Christopher Hitchens, Ann Coulter, Gary Kasparov, Thomas Malthus, John Maynard Keynes, Augusto, Roger Waters, Stanley Kubrick, James Cameron, Arnold Schwarzenegger, Martin Heidegger, Jean-Paul Sartre, Richard Rorty, Vladimir Lenin, Joseph Goebbels, Alcibiade, Giovenale, Tertulliano, Paracelso.

Severus Piton (Harry Potter) Mr. Burns (I simpson) Light (Death Note) Dottor House Stewie Griffin (I Griffin)
V per Vendetta Dottor Cox (Scrubs) Sheldon Cooper (The Big Bang Theory) Aaron “Hotch” Hotchner (Criminal Minds) Kimball Cho (The mentalist)
Petyr Baelish (GoT) (forse ENTJ) Walter White (Breaking Bad)

Per altri esempi di personaggi famosi e dei loro tipi psicologici, andate su http://www.celebritytypes.com.

Monologo

Sento come se la maggior parte delle persone saltasse troppi passaggi. Sono come fossilizzati in schemi e idee che non mi sembrano né necessari né utili per sviluppare una reale comprensione. Certamente l’abilità di immaginare nuove interpretazioni e prospettive per capire è la cosa piú importante per me, nonostante sia spesso difficile convincere gli altri ad abbandonare i loro preconcetti abbastanza da anche solo notare i salti concettuali che mi portano a ragionamenti di un livello superiore. Mi piace risolvere problemi tornando indietro e sistemando i «mattoni» su cui tutta la questione è costruita: se non lo fai, per forza di cose non ti accorgerai di qualcosa che potrebbe cambiare tutto. Quando realmente comprendi qualcosa in questo modo, la risposta ti si mostrerà cosí chiaramente e con forza che il problema praticamente si sarà risolto da solo. Se non è ancora successo, allora stai dimenticando qualcosa o guardando alla questione nel modo sbagliato.

Come gli altri Introversi Intuitivi, gli INTJ sono interessati a guardare la globalità delle cose e andare oltre alle apparenze e le superficialità. Danno poco credito nelle opinioni degli altri o degli «esperti», preferendo guardare dentro di sé per trovare le risposte. Sentono di possedere gli strumenti e l’introspezione necessaria per determinare la verità indipendentemente dagli altri. Quando consultano il mondo esterno per le informazioni, buona parte delle volte è per il gusto di confermare le proprie convinzioni. A causa di questa forza della mente, volontà e introspezione, gli INTJ sono i teorici piú produttivi tra tutti i tipi psicologici.

Gli INTJ spesso si mostrano come austeri e impassibili, mostrando una scarsa espressività emozionale. Combinato con l’aria da eruditi che spesso presentano, possono essere visti come intellettuali snob o elitari. Al di là della possibile arroganza, il fatto che siano molto intelligenti è spesso fondato. Non solo gli INTJ hanno in media il QI piú alto tra tutti i tipi, ma sono generalmente ben informati, mostrando una vasta cultura e una memoria notevole (su ciò che interessa loro).

Gli INTJ maneggiano la logica e il linguaggio come spade. Sono in grado di mostrare un lessico e una precisione impressionanti nel parlare. È difficile scoraggiarli dall’esprimere direttamente e fermamente i loro punti di vista. Possono sembrare addirittura dogmatici o chiusi di mente per quanto sono decisi.

Gli INTJ, grazie alla loro memoria per i dettagli e alle forti abilità oratorie, possono essere buoni narratori. Come gli INFJ amano imbastire storie, metafore, ed esempi dalla cultura popolare per illustrare i concetti astratti. Questa è una differenza dalla contro parte INTP che, pur se brillante, generalmente non è brava a raccontare storie o barzellette.

Gli INTJ amano pensare alle idee, le prospettive, le teorie, le visioni, le storie, i simboli, le metafore. Quando hanno bisogno di «pensare», questo pensare significa qualcosa di molto diverso da ciò che è per gli altri tipi. Buona parte del pensiero avviene al di fuori della consapevolezza. Per questo l’Intuizione introversa Ni sembra quasi essere magica. È comune che si pensi che gli INTJ (ma ancora di piú gli INFJ) abbiano delle qualità psichiche o profetiche. In realtà, la Ni può essere compresa razionalmente. La funzione inferiore, inconscia, la Sensazione estroversa (Se) raccoglie molti dati sensoriali dal mondo esterno, incluse sottigliezze che altri tipi psicologici tendono a non notare. La Ni quindi li elabora inconsciamente per dar loro un senso, come assemblando pezzi di un puzzle. Una volta terminato, Ni genera un’impressione che sembra uscita dal nulla.

Pensano quasi piú ad immagini che a parole. Le intuizioni si manifestano spesso in forma simbolica, con immagini, sogni. Sentono spesso di poter capire gli sviluppi di determinate azioni e quindi vedere il futuro, o quantomeno vedere un possibile futuro. Questo è un impulso molto grande che li stimola a vedere le loro idee realizzate.

Gli INTJ vivono nel mondo delle idee e della pianificazione strategica. Tra le cose che valutano di più ci sono la competenza, l’intelligenza e la conoscenza. Sono perfezionisti, con una capacità apparentemente infinita di migliorare qualsiasi cosa catturi il loro interesse. Quello che li previene dal rimanere impantanati in questa rincorsa alla perfezione è il pragmatismo così caratteristico del loro temperamento: applicano costantemente (a volte con spietatezza) il criterio “A cosa serve?”, dai loro sforzi di ricerca alle convenzioni sociali prevalenti. Questo causa una indipendenza di pensiero assolutamente inusuale, liberando le persone con questo temperamento dai vincoli di qualsiasi autorità, convenzione o opinione fine a se stessa. Ogni autorità, sia essa basata sulla posizione, sui titoli, sul grado, sulle pubblicazioni, non ha alcuna forza che non sia quella delle idee che rappresenta. Slogan, dottrine, dogmi non hanno alcuna presa sugli INTJ. Se un idea o posizione gli appare condivisibile sarà adottata, altrimenti no e non importa chi la ha presentata o l’appoggia. Come per gli INTP, l’autorità in se non ha alcun valore per gli INTJ. Questo non significa che ignorino le regole, infatti gli INTJ tendono a rispettarle quando le ritengono utili, ma potrebbero non condividerle. Il paradosso viene risolto dalla loro particolare visione del mondo, dominata dal pragmatismo.

Pur essendo aperti a tutte le nuove idee (gli INTJ cercano avidamente nuove idee, nuovi punti di vista, nuove opinioni su ogni cosa), diversamente dagli INTP (architetti), gli INTJ non inseguono le idee più che possono, cercando di sviscerarle e di comprenderle in pieno, ma cercano di arrivare ad una conclusione. L’interesse primario di un INTJ non è la piena comprensione di un concetto ma la sua applicazione pratica. Gli INTJ sono conosciuti come i “Sistemisti” fra i vari temperamenti, forse perché posseggono l’inusuale combinazione di immaginazione ed affidabilità unite a questo desiderio di concludere.

Sul lavoro abbracciano gli obiettivi dell’istituzione molto seriamente e si sforzano continuamente per raggiungerli. Questo li rende collaboratori impegnati e leali, e leali al sistema piuttosto che alle persone che lo compongono. Così se le persone vanno e vengono, gli INTJ non hanno grandi difficoltà, diversamente dagli NF, che legano la loro lealtà più alle persone che al sistema. Gli INTJ, solitamente, tendono a mettere in luce gli aspetti positivi ed evitare i commenti inutilmente negativi: sono interessati all’evoluzione del sistema, non a dolersi degli errori passati.

Gli INTJ possono essere molto severi con se stessi e con gli altri durante un progetto. Chiunque batta la fiacca, inclusi i superiori, perderà il loro rispetto, e ne sarà quasi sempre informato; talvolta alcuni INTJ hanno anche mostrato di prendere decisioni critiche senza consultare i superiori o i colleghi. D’altra parte, tendono ad essere scrupolosi e imparziali nel riconoscere i contributi individuali che hanno concorso in un progetto, e hanno il dono di afferrare opportunità che la maggioranza delle persone non riescono neppure a riconoscere; hanno però spesso bisogno di stimoli esterni quando incominciano nuovi progetti o relazioni per decidere che vale la pena di impegnarvisi.

Gli INTJ sono leader naturali, sebbene di solito preferiscano rimanere dietro le quinte finché non ritengano realmente necessario assumere la guida. Quando ricoprono questo ruolo sono tipicamente molto efficaci, perchè hanno la capacità di vedere obiettivamente la realtà delle situazioni e sono sufficientemente duttili per cambiare le cose che non funzionano bene. L’interesse maggiore degli INTJ verso il mondo esterno è il prendere decisioni, esprimere giudizi e mettere ogni cosa incontrino sul loro cammino in forma chiara, comprensibile e razionale. Quando a queste qualità non si unisce l’abilità di esprimere le proprie intuizioni, gli INTJ tenderanno ad essere bruschi e concisi con le persone ed anche ad isolarsi; comunque si troveranno spesso a essere fraintesi. E in questi casi tenderanno ad incolpare le “limitazioni” delle controparti piuttosto che la loro incapacità di espressione. Per questo motivo finiranno per dare la falsa impressione di essere arroganti ed elitari, anche perché con gli estranei gli INTJ si contraddistinguono per il loro comportamento estremamente controllato, non prendendo mai l’iniziativa per primi e mantenendo una grande distanza. Talvolta questa maschera inespressiva può venire sollevata durante una conversazione ispirata e un emozionalità inattesa può emergere: i loro occhi brilleranno di una luce viva e la loro passione crescerà al progredire della discussione, ma anche in questo caso un INTJ cercherà di mantenere il suo autocontrollo.

Le relazioni interpersonali, in particolare quelle romantiche, possono essere il tallone d’Achille degli INTJ. Sebbene siano capaci di un comportamento profondamente altruista verso gli altri (di solito pochi e ben selezionati) e siano pronti a spendere una grande quantità di tempo ed energie in una relazione, la conoscenza e sicurezza di se che li rende così abili in altre aree può improvvisamente abbandonarli o trarli in inganno nelle relazioni interpersonali.

Questo accade in parte perchè gli INTJ non afferrano prontamente i rituali sociali; ad esempio tendono ad avere poca pazienza e una scarsa comprensione per cose come le chiacchiere da salotto o le civetterie (che per molti altri temperamenti sono metà del divertimento in una relazione). Per complicare le cose, gli INTJ sono spesso persone estremamente riservate, e possono essere così impassibili da renderli facilmente incompresi e mal giudicati. E come se non bastasse, dietro questa facciata fredda e riservata sono solitamente (e nascostamente) ipersensibili ai segnali di rifiuto che potrebbero provenire dagli altri, in particolar modo da coloro a cui tengono di più. Forse il problema maggiore è che gli INTJ vogliono veramente che le persone siano razionali. Questo qualche volta finisce per portare a una strana ingenuità, simile a quella di molte persone di tipo F, solo che invece di aspettarsi un inesauribile affetto ed empatia da una relazione romantica, gli INTJ si aspetteranno un inesauribile ragionevolezza e franchezza.

Molte persone reagiscono a questa difficoltà di comprendere gli INTJ cercando di evitarli, per la loro riservatezza e la malintesa freddezza. In verità, anche se gli INTJ non dimostrano facilmente i loro sentimenti (talvolta neppure alle persone che sentono più vicine) e non lodano gli altri quanto meriterebbero, questo non significa che non provino affetto o stima, solo che non si sentono a loro agio nel mostrare questi sentimenti pubblicamente. Ad aggravare le cose, spesso le loro espressioni e comportamenti non riflettono quello che realmente provano. Altre persone hanno la falsa impressione che siano rigidi e vogliano fare tutto a modo loro. Niente di più falso: gli INTJ si impegnano a trovare sempre, in modo razionale ed obiettivo, la migliore strategia per implementare le proprie idee e sono quindi estremamente aperti nell’ascoltare modi alternativi di fare le cose e nell’abbracciarli se li giudicano più efficaci o efficienti.

Il pensiero estroverso (Te) è logico, analitico, sistematico. Prende il mondo percepito e lo spezzetta in parti. Quindi dà un nome ad ogni parte, ne descrive le funzioni, determina le relazioni tra le parti. Comprende razionalmente il mondo, in modo che sia strutturabile, che si possano fare previsioni e che si possa controllare.

Mentre la Ni è tutto fuorché sistematica, una volta che un’intuizione è arrivata alla coscienza, Te la prende e la lavora per darle una forma razionale, come se si decomprimesse un file del computer. Questo processo può essere lungo e complicato; ma per far sí che gli altri abbiano fiducia nelle idee e le capiscano, l’INTJ deve necessariamente tradurle. Questo processo è l’esatto opposto dell’INTP, che inizia da una base logica e tenta di esprimerla tramite l’intuizione.

Nel dare forma alle intuizioni, l’INTJ è sistematico e metodico, addirittura perfezionista. Procedono con attenzione e lentamente, sempre controllando per prevedere potenziali ostacoli e contingenze. Lavorano per incorporare fatti, dati e altre considerazioni oggettive. Al contrario degli FJ, gli INTJ non si occupano del preservare l’armonia sociale. Te è impersonale, concentrato su oggetti e sistemi e non sui sentimenti soggettivi. Attraverso le lenti impersonali e oggettivizzanti di Te, il mondo diventa una gigante macchina, un sistema di parti intercorrelati che funzionano in base a leggi di causa ed effetto.

Un approccio basato su Te enfatizza la quantificazione, incluso l’utilizzo di obiettivi oggettivi e misurabili e di standard. Mai vago o ambiguo, utilizza definizioni chiare, piani, procedure. Dice chiaramente come arrivare da un punto A ad un punto B, con quali passaggi, direzioni.

A causa del fatto che il pensiero è estroverso, l’INTJ aspira anche all’ordine esterno e all’organizzazione. Questo si osserva piú facilmente negli ETJ, comunque, che sono piú portati per organizzare l’ambiente esterno. Gli INTJ sono generalmente meno interessati all’ordine e all’organizzazione che alla contemplazione e al lavorare sui loro obiettivi.

Infine, è importante ricordare che negli INTJ Te non è la funzione dominante, ma la secondaria. Non solo hanno l’abilità di isolare o analizzare parti specifiche, ma al contempo possono mantenere una chiara visione del sistema nel suo insieme, comprese strutture gerarchiche e inter-relazioni tra le parti. Questa propensione a vedere sia l’insieme che le parti rende l’INTJ un grande stratega, analista di sistemi e pianificatore. Sono la quintessenza dei «costruttori di sistemi».

Una metafora interessante per comprenderlo è quella di una partita a scacchi. Se la partita rappresenta la vita, i quattro tipi «razionali» (INTP, INTJ, ENTP, ENTJ) hanno quattro approcci differenti ad essa:

  • Gli INTJ sono i giocatori di scacchi per eccellenza. Osservano la mossa dell’avversario e calcolano quale sia la risposta strategicamente migliore in quel momento, per rispondervi.
  • Gli INTP non sono buoni giocatori. Mano a mano che vanno avanti nella partita e vedono le mosse fatte da loro e dall’avversario, si accorgono che avrebbero fatto molto meglio a fare un’altra mossa in passato, e quindi vorrebbero ricominciare la partita da capo con la nuova conoscenza. Il punto è che ricominciando anche l’avversario adeguerà le sue mosse, rendendo vano il proposito dell’INTP che dovrà ricominciare all’infinito.
  • Gli ENTP vorrebbero cambiare le regole degli scacchi a seconda delle circostanze del momento per fare mosse particolarmente azzeccate.
  • Gli ENTJ non solo muovono i loro pezzi, ma fanno in modo di muovere anche quelli dell’avversario.

Il sentimento introverso (Fi) è la funzione terziaria dell’INTJ. Si occupa di sviluppare una visione personalizzata del mondo, indipendente dalle convenzioni sociali. Un INFP con Fi primaria dice: «I miei valori interiori e sentimenti sono come una costruzione, una struttura che dà forma alla mia visione del mondo. Questo coinvolge un amore interiore per alcune cose, una repulsione interiore per altre. I miei valori e sentimenti formano dei «tasselli» di varia importanza, in base a quanto fortemente mi sento riguardo ad essi. Scopro costantemente di piú sulla struttura man mano che cresco, e sento come dovrei cambiare per migliorarmi. Ad esempio, non devo razionalmente sviluppare un rispetto per la dignità umana; semplicemente mi trovo in situazioni in cui le persone non la rispettano, e mi arrabbio – e cosí scopro che odio i soprusi.»

Essendo orientato all’interno, è difficile per gli altri accedere alle emozioni dell’INTJ. Questo anche perché il sentimento viene dopo il pensiero. Quindi, a ragione o a torto, gli INTJ sono spesso percepiti come impersonali e insensibili.

Nello sviluppo di Fi, l’INTJ inizia a fare piú attenzione ai suoi sentimenti e valori personali, considerando anche quelli altrui. Imparano a riconoscere e apprezzare le preoccupazioni soggettive, e che la verità non risiede solo a livello di universali (Ni) ma anche nell’esperienza sentita individualmente (Fi). Alcuni INTJ hanno qualità umane e interpersonali, e sono interessati non solo a idee e principi astratti, ma anche agli individui.

Sviluppando il sentimento l’INTJ si interessa nella scoperta di sé. Nietzsche, spesso considerato INTJ, era profondamente interessato all’introspezione e all’auto-realizzazione. Questo è esemplificato dal suo famoso aforisma: «Diventa ciò che sei». È comune per gli INTJ essere tutti orientati alla carriera fin da giovani. Man mano che si sviluppano, diventano piú atti a chiedersi se il loro lavoro è quello che davvero vogliono fare e se è coerente con i loro valori. Potrebbero addirittura passare da un lavoro ben pagato verso qualcosa non-profit, dando maggiore priorità ai valori soggettivi.

Fi contribuisce anche al desiderio dell’INTJ di agire come agente di cambiamento morale. Grazie alla combinazione Ni-Te-Fi gli INTJ sono tra i piú prodigiosi riformatori. Ni e Fi lavorano insieme per formulare una grande visione, e Te specifica un piano per la sua implementazione. Questo può portarli in molti campi, dalla politica al business all’educazione, e cosí via.

La combinazione degli ideali Ni-Fi inoltre, insieme al pallino dell’INTJ per il perfezionismo, può condurre anche ad un forte rigore morale. Portato per un senso del dovere, dell’obbligazione, della responsabilità, gli INTJ spesso si danno alti standard morali. Sono ammirati per il loro coraggio morale, la perseveranza, la devozione e la lealtà.

Quando sono stressati o se Fi non è ben sviluppato, gli INTJ tendono a prendere le cose sul personale. Possono sembrare eccessivamente sensibili, pronti a reagire eccessivamente e difendersi. Quando l’INTJ sviluppa e incorpora Fi sta meno sulla difensiva e prende meno le cose sul personale.

Gli INTJ lottano per riconciliare la Ni con la loro funzione inferiore, inconscia, la Sensazione estroversa (Se). Possono essere totalmente ciechi al grado dell’impatto che ha la Se sulle loro decisioni e sul loro comportamento. Senza consapevolezza l’INTJ continuerà a sentirsi incompleto e incline a decisioni poco sagge nella vita, nella carriera, nelle relazioni. Consideriamo cinque diversi modi in cui la tensione tra Ni e Se si manifesta negli INTJ.

1.       Mente vs Corpo

Gli INTJ tendono a svalutare l’importanza del corpo. Spesso si sentono distaccati e disconnessi dalla loro fisicità. Se l’ambiente glielo permette, l’INTJ può entrare in uno stato simile a quello di trance in cui rimane totalmente inconsapevole del suo corpo. Finché esso non si ribella, l’INTJ può continuare a funzionare per ore. Per esempio, il fondatore di Facebook, Zuckerberg, INTJ, disse di essere stato per venti ore consecutive di fronte al computer.

A causa del distacco dalla fisicità, gli INTJ potrebbero avere incubi riguardo inaspettati declini della loro salute. Alcuni sognano spesso che i loro denti cadano, altri riportano la paura che potrebbe svilupparsi una malattia e che sarebbero inconsapevoli dei sintomi fino al momento in cui ormai sarebbe troppo tardi. Alcuni INTJ dimenticano di mangiare regolarmente e appaiono denutrici, mentre altri mangiano in sovrabbondanza per scarsa attenzione a quanto spesso o quanto stanno mangiando. A causa di questo alcuni INTJ sviluppano delle diete e degli esercizi quasi ossessivi.

2.       Metafisico vs Fisico

Nonostante sia il piú astratto tra i tipi, molti INTJ hanno una curiosa attrazione per i beni materiali, fisici, estetici (Se). Potrebbero guidare auto veloci, volare su aeroplani, o scegliere case lussuose. Sono piú intrigati dal cibo, l’arte e l’architettura degli INTP, in cui la sensazione è proiettata dentro di sé.

Sotto la morsa della funzione inferiore, anche il piú responsabile degli INTJ può improvvisamente cadere nella droga, l’alcol ,il sesso, la pornografia, in vacanze stravaganti o shopping compulsivo per soddisfare questa brama inconscia. In questi momenti ricordano l’approccio ESP «mangia, bevi e sii felice». La differenza è che l’INTJ tende a sentirsi piú fuori controllo quando succede. Questo comportamento non è caratteristico di come si vedono. Per proteggersi da questi estremi della funzione inferiore, potrebbero imporsi regole restrittive in modo da preservare il benessere fisico, mentale e/o materiale.

3.       Ideale vs Reale; Riflessione vs azione

Come gli INFJ, gli INTJ sono visionari e pianificatori. Trovano le loro visioni intuitive estremamente belle e complesse, rendendo difficile per loro accettare una realizzazione incompleta che non raggiunge la perfezione. Per realizzare gli ideali, devono trovare un modo di trasformarli in una realtà tangibile (Se). Sfortunatamente, dato che la vita è lenta a conformarsi agli ideali, gli INTJ imparano velocemente che le loro visioni faticano a realizzarsi. Questo porta a due possibilità principali.

La prima è di agire come produttori di ideali senza preoccuparsi della loro attuazione. Questo soddisfa la Ni, ma non l’inconscia Se. Questa potrebbe essere la ragione per cui INTJ è il tipo piú comune tra gli accademici, poiché l’accademia permette di sviluppare le teorie indipendentemente dall’applicazione. Anche la scrittura e altri scopi artistici forniscono all’INTJ questa opportunità.

La seconda opzione è di lavorare attivamente per implementare le proprie idee imparando ad accettare la non perfezione. Questa opzione frustra la Ni ma va bene per la Se. Inoltre introduce una serie di problemi: come si decide qual è un livello accettabile?

4.       Universale vs Individuale

L’Intuizione è piú concentrata con il disegno complessivo e le relazioni tra le parti che le parti stesse; favorisce la foresta piú che gli alberi, l’universale piú che i particolari. Di tutti i tipi, gli INTJ sono i piú atti a svalutare l’esperienza personale come una prova valida di qualcosa (argomento piú comune per gli SFP). Non si fidano degli aneddoti e gli argomenti fatti in nome del «senso comune». Sono le leggi universali, ideali, e le teorie, che possono essere accettate come verità.

Un INTJ fisioterapista sostenne che non sia il livello di esperienza del terapista (Si) a fare la differenza tra un esperto e un novizio, ma il livello di conoscenza teorica (N). Inoltre ritenne che non abbia modo di sapere, se non con qualche studio formale, se la sua cura funzioni. Non si fida del responso del paziente, poiché soggettivo. Addirittura con i pazienti che hanno un dolore cronico, tende a svalutare il dolore di una singola parte (S) sostenendo che il problema sia dovuto alle interazioni tra varie parti, inclusa la mente (N).

5.       Carriere investigative vs Business

Tra tutti i tipi IN, gli INTJ sono i piú propensi ad entrare nel mondo degli affari, magari col ruolo di manager, o nell’investigazione. Queste carriere sono tendenzialmente preferite dai tipi S. Si può spiegare con il desiderio inconscio della Se di viaggiare, guadagnare molto per avere una bella casa, e via dicendo. C’è un rapporto di amore-odio con il mondo materiale.

Conciliare Ni e Se

Uno dei maggiori problemi degli INTJ è che devono imparare ad apprezzare il momento presente per come arriva. Anziché continuare a interrogarsi e pianificare il futuro, devono capire come aspettare quello che succederà. Tramite un cambio di prospettiva impareranno ad apprezzare i piaceri semplici dell’esistenza che avevano ignorato e disprezzato in precedenza.

Agli inizi questa strada apparirà insipida, priva di significato. Si chiedono se cosí tutti i grandi sogni e piani saranno vani e se dovranno vivere un’esistenza ordinaria. Gli INTJ /strongpossono spendere interi anni per imparare a vivere sul momento prima di riuscire a farlo in modo maturo.

Fase 1 (Adolescenza – 20 anni)

Nella prima parte della vita dominano le prime due funzioni; l’INTJ formula giudizi velocemente per trarre conclusioni anche forti sul mondo. È particolarmente inflessibile, e questo può facilmente portare alla chiusura mentale su molti fronti. Sono generalmente piú veloci dei percettivi nel trovare un’area, un interesse, una carriera, una specializzazione che li interessi.

Fase 2 (Da 20 anni in poi)

In questa fase l’INTJ differenzia e incorpora le altre funzioni, il che conduce ad una maggiore apertura. I giudizi della Te vengono ammorbiditi con i valori personali (Fi). Poi imparano come prendere la vita per come arriva, temperando il bisogno costante di pianificare e controllare il futuro.

Lettura, eventi culturali, giochi di strategia e di logica, studio, arte, computer, videogiochi, sport indipendenti come nuoto, viaggi disorganizzati, maratone.

Programmatore di computer, amministratore di database, sviluppatore di software, analista di sistemi, ingegnere ambientale, ingegnere civile, scienziato, astronomo, ricercatore farmaceutico, giudice, architetto, pianificatore finanziario, analista.

Narcisismo, Ossessivo-Compulsivo.

  • Nei test di personalità i tratti che emergono sono: riservato, industrioso, logico, cauto, riflessivo, sicuro di sé, metodico.
  • Tra i meno inclini a soffrire di problemi cardiaci e attacchi di cuore.
  • Tra i tipi con il piú alto reddito.
  • Il tipo con il piú alto QI.
  • I valori personali includono il successo.
  • Tra tutti i tipi, quello che meno afferma di valorizzare la famiglia, la sicurezza economica, le relazioni, l’amicizia, la carità.
  • Sovrarappresentati tra le donne imprenditrici.
  • Sovrarappresentati tra gli studenti MBA.
  • Trovati comunemente in campi scientifici, tecnici, informatici, legali.
  • Il tipo piú raro tra le donne.

I bimbi INTJ sono…

• Sono profondi e molto “cerebrali”, orientati al pensiero
• Sembrano piú grandi, piú maturi di quello che sono
• Sono distaccati, soli, osservatori
• Non sono caldi con gli estranei
• Imparano il linguaggio molto presto
• Sono piú interessati a eventi e cose che alle persone
• Vanno matti per i libri fin da bimbi
• Sembrano non avere paura di nulla
• Probabilmente piangeranno poco… le loro emozioni sono nascoste e se ne distaccano
• Non sorprendetevi se sembreranno competitivi e a loro agio con strutture e sistemi
• Anche se impareranno a leggere presto, non sorprendetevi se non parlerà molto con gli altri
• Può diventare molto rigido e testardo se lo costringete a socializzare
• È sempre temperato, controllato, emotivamente distante… non aspettatevi molte manifestazioni di gioia e felicità anche quando le starà provando
• Molti amano scrivere, disegnare e fare altre attività creative imparare a scuola
• Amano imparare
• Possono tenere un diario segreto
• Amano le teorie, i dibattiti e le discussioni
• Sono molto indipendenti
• Durante l’adolescenza facilmente si ribelleranno e cercheranno di esprimersi tramite diversi stili
• I limiti non saranno accettati facilmente

Consigli per i genitori di bimbi INTJ

• Permettetegli di fare le cose da sé finché è possibile
• Non introduceteli in situazioni sociali troppo presto, hanno bisogno di tempo
• Comprendete che hanno dei sentimenti, anche se sono tenuti molto nascosti… non allarmatevi troppo
• Date loro opportunità per crescere intellettualmente
• Permettetegli di avere giochi di tipo creativo
• Quando si tratta di disciplinarli siate giusti, coerenti e spiegate logicamente passo per passo perché pretendete un certo comportamento
• Ascoltate le loro idee e permettete loro di svilupparle
• Comprendete che criticheranno moltissimo, ma è naturale per loro… non prendetela troppo sul personale

Domande sul Tipo? Clicca qui!

Commenti

commenti

23 Comments

  1. ibrahim

    ok ora io non vorrei mai paragonarmi a tutti questi saggi pensatori ma questo test ha spaventosamente ragione!

  2. Pedro

    Un freddo, un calcolatore, un teorico, un pragmatico …una sorta di narcisista della propria intelligenza e della propria mente. Un INTJ. Sono io.

  3. Angelo

    Ottimo. Una fotografia: sono io.

  4. Ciao!
    L’ho rifatto , ma è venuto fuori un altro profilo..
    🙂

  5. Perchè mi esce l’avatar imbronciato?
    :O)

  6. Nefertiti

    E’ proprio così.
    Peccato per il commento di Pedro, Io non mi ritengo affatto fredda, magari lo fossi, sono IPERsensibile da pura intj!!!Fredda e distaccata ciò che vedono molti dall’ esterno!

  7. Nessuno

    A li là dei vari test non riesco a capire se sono intj o infj(con loop?). Mannaggia.

  8. Nessuno

    di*

  9. Cold

    Nessuno, leggi, se puoi, il libro tipi psicologici di Jung…a quanto pare il dubbio è sulla seconda e terza funzione. Leggendo potresti finalmente capire le sostanziali differenze e, più o meno, riconoscere quale funzione secondaria e terziaria hai con maggior spessore…
    Io, per quanto mi riguarda, dovrei rientrare nella categoria INTJ o INFJ con Loop…ma se vuoi una mia personalissima teoria, se si ha il dubbio probabilmente si appartiene ad entrambe le categorie.
    Io riconosco di appartenere al gruppo (primario) INTJ ma in secondo luogo al gruppo INFJ con loop…un po come il segno zodiacale ed il relativo ascendente.

  10. Nessuno

    Si può appartenere a due tipi??

  11. Cold

    Allora, il libro di Jung fa capire molto chiaramente che le è importante sapere quale Funzione sia quella Dominante e quale sia quella Repressa, mentre le funzioni secondaria e terziaria svolgono un ruolo appunto secondario e terziario.
    Per quanto mi riguarda proprio poiché si collocano a metà strada fra quella dominante e quella repressa non dovrebbero presentare ruoli “fermi e precisi” e quindi, in particolari situazioni, sono quelle che potrebbero essere soggette a cambiamenti sia di posizione che di cerchia (estroverso/introverso)…
    Quindi dovresti sforzarti di capire in che tipo rientri in condizioni “normali/quotidiane”…ad esempio, come ho già detto, io ho capito, dopo aver letto il libro e ragionandoci allungo, di appartenere principalmente al gruppo INTJ ma in particolari situazioni invece prende il sopravvento il lato INFJ con Loop.
    Se si hanno dubbi allora sarebbe sciocco e pretenzioso catalogarsi in un solo gruppo.
    Fai questo sforzo, cerca di capire quale dei due gruppi appartieni “più spesso”.

  12. rena

    Ero convinta di essere un INFP. Conoscevo il Myer-Briggs, ma non avevo mai provato il test. Mi riconosco in alcune cose dell’INTJ, ma in molte altre no; tuttavia gli altri profili suggeriti dal test (ENTP e ENFP) mi si adattano ancor meno.
    Qualche consiglio per approfondire?

    Grazie!

  13. Alex

    Che punteggi ti ha dato il test? Proverei l’INFJ comunque, se ti credevi INFP e con il test esce INTJ…

  14. rena

    eh sì…
    probabilmente avevo un’idea di me “sbagliata”: ho fatto leggere il profilo dell’INTJ al mio ragazzo e ai miei genitori e hanno tutti e tre concluso che quanto scritto qui mi rispecchia “in modo impressionante”.
    La cosa mi ha sconvolto non poco, mi sono sempre sentita una persona sentimentale, impulsiva e terribilmente irrazionale con frequenti attacchi di ira; con ogni probabilità invece ho “l’incazzatura facile” perché sono convinta che tutti quanti siano più stupidi di me; ho trovato qualcosa su cui lavorare per migliorarmi!. Ad ogni modo il risultato del test è il seguente:

    – Ni (Intuizione Introversa) : 14.25
    – Ne (Intuizione Estroversa) : 10.95
    – Ti (Pensiero Introverso) : 8.75
    – Te (Pensiero Estroverso) : 8.5
    – Si (Sensazione Introversa) : 7.9
    – Se (Sensazione Estroversa) : 5
    – Fi (Sentimento Introverso) : 4.75
    – Fe (Sentimento Estroverso) : 3.25

    P.S. Complimenti per il blog è veramente bello!

  15. Sara

    Mi rispecchio molto in questo profilo. Per un po’ di tempo non riuscivo a capire se fossi INTJ o INFJ, ma adesso sono sicura di essere INTJ, per fortuna (odiavo non avere una sicurezza!).
    Comunque, ho una curiosità: come si manifesta esattamente un loop negli INTJ? So che è un inversione della seconda con la terza funzione, quindi Fi/Te invece di Te/Fi, ma non ho capito molto bene cosa comporta questa inversione.
    Chi mi illumina?
    PS: Trovo molto interessante questo blog, complimenti!

  16. Alessandro

    Mi sento rappresentato al 95%.
    Ottimo lavoro!

  17. Tantomoriremotutti

    Ciao Alex. Avrei una domanda da farti riguardo la valutazione del mio profilo.
    Orami è da molto che studio questa teoria, devo dire che mi affascina molto e ho approfondito l’argomento, anche perché mi sembra si applichi bene alla realtà. Ho somministrato molti test ad amici e familiari e sto imparando a riconoscere i tipi mentalmente.

    Ho fatto molti altri test oltre a questo, molti in Inglese, perché vedo che in America il test MBTI è molto utilizzato, e in tutti il risultato è stato INTJ.
    Ora, questo è l’unico test in cui (nonostante l’abbia ripetuto più volte) mi esce INTP. Io mi sento molto più rappresentato nel profilo INTJ, ma vorrei se possibile la tua opinione a riguardo.

    I risultati sono più o meno gli stessi ogni volta:

    Il tuo profilo psicologico è molto probabilmente: INTP.
    Inoltre potrebbe essere presente un loop.
    Oppure il tuo tipo psicologico potrebbe essere: ISTP.
    Oppure il tuo tipo psicologico potrebbe essere: ISTJ.

    – Ti (Pensiero Introverso) : 20.7
    – Si (Sensazione Introversa) : 19.2
    – Ni (Intuizione Introversa) : 16.7
    – Te (Pensiero Estroverso) : 14.75
    – Fi (Sentimento Introverso) : 7.15
    – Ne (Intuizione Estroversa) : 4.2
    – Se (Sensazione Estroversa) : 3.4
    – Fe (Sentimento Estroverso) : -2.55

    A volte suggerisce come seconda opzione che potrei essere un INTJ. Inoltre soffro di Disturbo di personalità Schizoide, che reprime di molto il contenuto emotivo verso gli altri. Pensi che potrebbe influire sul risultato?

  18. Tantomoriremotutti

    Ciao di nuovo Alex.
    Devo rettificare ogni cosa detta precedentemente. Sono un INTP al 100% e non riesco a credere di averlo capito solo ora, nonostante siano LETTERALMENTE mesi e mesi che ogni giorno studio questa teoria…

    Devo quindi fare i complimenti a te e questo blog, sia per la descrizione impressionante di ogni tipo, sia perché il tuo test, su decine che ho eseguito, anche in altre lingue, è stato l’unico ad individuare correttamente il mio tipo.
    In diversi forum ho letto che molti INTP sono tipizzati INTJ, ma che è molto raro che accada l’opposto.
    Suppongo di essermi auto suggestionato e di aver cercato di essere ciò che non sono.
    Comunque qualche consiglio su come essere più produttivi? 🙂

  19. julie

    Ciao Alex, ho 17 anni e sono risultata INTJ. A dir la verità non sono molto informata su questa analisi psicologica, se così si può definire, tuttavia mi ritrovo molto nella descrizione soprastante. Blog veramente interessante devo ammettere! Complimenti.

  20. Amalia

    Non riesco a capire se sono INTJ o INTP, come faccio?

  21. Nihilgenesis

    Mi vedo perfettamente nei tratti positivi e negativi di un INTJ, mentre certe volte mi sento autoritario e freddo come un ENTJ, rispecchiando molto il mio essere nelle varie descrizioni anche di quest’ultimo tipo. La cosa che mi intriga di più è che quando sono freddo e riesco a rendermi del tutto distaccato e meccanico, senza scrupoli, provo una sorta di ebrezza trascendentale, un piacere assai recondito, come se dopo una lunga attesa io sia riuscito finalmente ad essere me stesso. Le mie astrazioni e i miei schemi profetici devono però avere una base logica e un appropriato trampolino dal quale potersi levare: il fallimento e le imperfezioni non sono contemplate e ogni mio piano va attuato con estrema cautela; in casi estremi, nei quali è richiesto, ogni risorsa è accettata. Spesso mi ritrovo nella morsa della morale, vedendola come una tenaglia che spezza le mie ali, tenaglia che non mi garantisce un totale successo.

    Ps: 999 è davvero un capolavoro c:

  22. G

    A fine test mi è comparsa la scritta “potrebbe essere presente un loop”, però non riesco a trovare la parte in cui ne parli (ho controllato la descrizione degli altri due risultati che mi dava come possibili e là ho trovato subito la parte dedicata al loop)

Rispondi a Cold Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shared on wplocker.com