ESFJ – Gli Assistenti, Gli Aiutanti

Lug 15, 2011 by

ESFJ – Gli Assistenti, Gli Aiutanti

Questo è il test per sapere a quale tipo appartenete: Test MBTI.

In questo post potete trovare tutti i 16 tipi e scoprire informazioni sul vostro.

IMPORTANTE: La descrizione del tipo è utile per comprendere con quali schemi mentali la persona tende ad approcciarsi al mondo. L’intento originale di Jung era aiutare le persone a comprendere le proprie predisposizioni (funzione dominante) e i propri limiti (funzione repressa) per trovare un equilibrio. Sentirsi speciali per il tipo a cui si pensa di appartenere si chiama superbia, e anche per un motivo piuttosto stupido. Giustificare le proprie mancanze perché “che ci volete fare, d’altronde sono BISTFN” significa aver frainteso questo modello teorico. Il tipo non è legato alla vostra moralità e intelligenza: persone dello stesso tipo hanno i più diversi valori, esperienze, capacità, idee, che incidono sulla personalità e non sono prevedibili dall’MBTI. Non esistono tipi migliori di altri, davvero. E se pensi che sotto sotto il tuo lo sia e tu sia meglio di buona parte della popolazione mondiale, la redazione consiglia di leggere più a fondo per comprendere meglio la teoria, la sua portata e i suoi scopi.

Soprannome

Gli assistenti, gli aiutanti.

Motto stereotipato

«Sono in grado di  aiutare chiunque, e lo faccio sempre.»

Funzioni

  • Dominante: Sentimento Estroverso (Fe)
  • Secondaria: Sensazione Introversa (Si)
  • Terziaria: Intuizione Estroversa (Ne)
  • Repressa: Pensiero Introverso (Ti)

Personaggi Famosi Reali

Principe William Elton John Monica Bellucci Whitney Houston Harry Truman
Alicia Keys Jessica Alba Gerry Scotti Anne Hathaway Don Gallo

Personaggi Famosi di Fiction

La Bestia Mary Poppins Sabrina (Sabrina vita da strega) Lily (How I met your mother) Haleh (ER)
Molly Weasley (Harry Potter) Amy (Futurama) Bree (Desperate Housewives) Buffy l’Ammazzavampiri Candace (Phineas & Ferb)
Cersei Lannister (GoT) (che cerca di imitare il padre ENTJ [dubbio]) Sansa Stark (GoT) (forse ENFJ) Shirley Bennett (Community) Skyler White (Breaking Bad)

Per altri esempi di personaggi famosi e dei loro tipi psicologici, andate su http://www.celebritytypes.com.

Monologo

Direi che principalmente mi concentro sulle mie responsabilità e i miei doveri verso gli altri, le persone attorno a me. Non solamente le persone con cui sono direttamente coinvolto nella vita di tutti i giorni – per quanto sí, loro siano le piú importanti – è che proprio mi sento meglio quando posso fare direttamente ed efficacemente qualcosa che può essere d’aiuto per qualcun altro.
Sono bravo a guardare ai fatti, e trovare modi pratici per dare alle persone ciò di cui hanno bisogno, o aiutarle a ottenerlo. Penso che troppe persone hanno la tendenza a complicarsi inutilmente la vita, per questo spesso vengono da me a chiedermi aiuto: sono bravo a semplificare i loro problemi in passi realistici e concreti che fanno la differenza qui e ora.
Questa mia inclinazione fa sí che io abbia molti amici – non mi piace calpestare gli altri, e sono bravo a muovermi in modo da rendere tutti, o quasi, felici. Ho un dono per tirare fuori il meglio dalle persone – so come incoraggiarli perché so dirgli esattamente ciò che hanno bisogno di sentirsi dire per essere motivati a dare il meglio di sé.
È difficile esprimere quanto sia importante avere una solida rete di relazioni di persone su cui poter contare, e sempre, sempre essere qualcuno su cui gli altri possono contare.
Non c’è niente di peggio che abbandonare le persone che hanno bisogno di me – devo poterle aiutare in tutti modi. Se non so come fare, cercherò e mi impegnerò per trovare la soluzione. E penso anche che sia molto importante essere preparato a tutto, ma fare le cose un passo alla volta! Semplicemente bisogna immaginare ciò che c’è da fare dopo, però concentrarsi su una sola cosa finché non è fatta. Se mi perdo troppo a fantasticare e immaginare di risolvere tutto ancora prima di avere iniziato, come posso fare davvero la differenza nella vita degli altri?

Descrizione

Gli ESFJ sono caldi, premurosi, coinvolgenti, leali e ligi al dovere. Il lavoro, la famiglia e la posizione sociale sono le cose più importanti per loro. Hanno molto bisogno anche di sentirsi apprezzati e considerati per ciò che fanno, ed essendo persone molto terrene, concrete e con una naturale vocazione altruistica, spesso riescono a raggiungere questo obiettivo. Come gli ESTJ, sono ammirati per la loro etica, devozione e perseveranza. Si battono per mettere in pratica ciò che predicano, rimanendo fermi sui loro propositi e convinzioni, anche se, spesso, valutano le cose troppo in termini di bianco/nero, senza vie di mezzo.

Gli ESFJ possono appunto apparire come rigidi e presuntuosi, e dare delle sentenze definitive, specie se vengono calpestate le loro buone intenzioni: potrebbero, ad esempio, decidere di troncare del tutto una relazione se una volta un amico li tratta male per qualcosa che gli ESFJ fanno in buona fede, o possono starci parecchio male perché accusati di aver sbagliato una cosa che ritenevano giusta. In ogni caso, come la loro controparte ENFJ, gli ESFJ hanno grandissime capacità interpersonali, e stabiliscono rapporti con gli altri molto velocemente, anche grazie alla loro calorosità. Sono in grado di empatizzare in maniera naturale con le persone e le loro emozioni, una caratteristica che permette loro di relazionarsi e comprendere facilmente gli altri, e perciò spesso sono convinti di sapere cosa vada bene per tutti proprio perché si sentono estremamente vicini e connessi. A causa della loro intelligenza sociale e l’amore per le persone, spesso hanno una sostanziale rete di amici, conoscenze, e connessioni sociali, e faticano a dire di no quando viene chiesto loro qualcosa.

Nonostante esternamente appaiano sicuri e risoluti, alla fine, gli ESFJ non sono così sicuri interiormente rispetto agli altri Tipi Psicologici. Infatti, poiché la loro funzione giudicante introversa, il Pensiero Introverso (Ti), è in posizione inferiore, gli ESFJ potrebbero sentire di avere poco controllo interiore, oltre che sentirsi incapaci di valutare alcune situazioni obiettivamente, con la sola logica, ignorando le implicazioni emotive. Perciò, trovandosi in difficoltà nel controllarsi interiormente, gli ESFJ si concentreranno sull’esterno, sperando che il conseguimento del controllo esteriore porterà calma e sicurezza interiore. Ricercano il controllo esteriore tramite il Sentimento Estroverso (Fe), che è la loro funzione dominante. È tramite la Fe che gli ESFJ sanno essere persuasivi, farsi molti amici, e riescono a consigliare e indirizzare le altre persone. Così facendo, gli ESFJ possono raccogliere i benefici del supporto sociale, materiali e spirituali, così come un senso di controllo e influenza nel mondo delle altre persone.

Come i loro cugini ESTJ, gli ESFJ tengono sempre un occhio rivolto al passato e generalmente preservano le tradizioni, i metodi esistenti, le convenzioni. Non significa che siano tradizionalisti, semplicemente ritengono che il passato sia molto importante, soprattutto il proprio vissuto e le proprie esperienze; sono inoltre precisi, dettagliati, e interessati che le cose siano esattamente come dovrebbero essere. Ciò spiega in parte come mai agli ESFJ piaccia molto insegnare: esso è un ruolo che permette loro di trasmettere agli altri la conoscenza e la saggezza finora conseguite.

Gli ESFJ spesso somigliano agli ISFJ, poiché condividono le stesse funzioni. La differenza è che gli ESFJ tendono ad essere più calorosi e coinvolgersi direttamente, mentre gli ISFJ potrebbero sembrare più socialmente ansiosi e metterci di più ad aprirsi. Potrebbero inoltre somigliare agli ENFJ, poiché hanno la stessa funzione dominante e inferiore. Ma poiché gli ENFJ hanno la Ni come ausiliaria, spesso sono più interessati a questioni teoriche o filosofiche rispetto agli ESFJ, che tendono ad essere pratici e tradizionali nel loro approccio di sostegno, aiuto e insegnamento.

La descrizione di cui sopra è concisa, per avere un’idea generale di come sia questo tipo psicologico. Una descrizione che vada più nel dettaglio e in profondità si può leggere cliccando qui:

Descrizione dettagliata del Tipo ESFJ e delle sue Funzioni

Funzione dominante: Sentimento Estroverso (Fe)

Come abbiamo visto, la funzione dominante degli ESFJ è il Sentimento Estroverso (Fe). Gli ESFJ sono veloci e diretti nell’esprimere i proprio sentimenti, opinioni o lamentele. Ciò può essere sia un vantaggio che uno svantaggio: da un lato, può contribuire nel far vedere gli ESFJ come leader capaci e persone sicure di sé; dall’altra, li può indirizzare verso giudizi troppo severi o prematuri.

La Fe permea gli ESFJ col desiderio di controllare e influenzare gli altri. Questo desiderio non deve essere assolutamente considerato malvagio o non salutare per gli ESFJ: al contrario, visto che la Fe è vitale ed è usata come mezzo principale per muoversi nella vita e nelle relazioni. Mentre gli E*TJ sono visti spesso come comandanti e dei controllori, gli ESFJ preferiscono controllare in maniera più sottile, subliminale, e per certi versi più efficace. Grazie alla loro empatia e alla capacità di relazionarsi con le persone, gli ESFJ possono abilmente scegliere la strada più efficace per influenzarli.

Questo, ovviamente, non implica che gli ESFJ siano necessariamente dei subdoli manipolatori: infatti, una cosa molto importante è che la Fe cerca l’incontro con le necessità degli altri. Gli ESFJ lavorano per assicurarsi che tutti vadano d’accordo, e sono molto interessati a ciò. Accade spesso che gli ESFJ si auto-sacrifichino, mettendo da parte i propri desideri per l’amore del bene comune, e in ambito lavorativo si assicurano che tutti stiano bene, che vengano avvisati, che siano stimati e apprezzati, e che si costruisca un ambiente armonioso e piacevole. Siccome desiderano coltivare buoni sentimenti nell’ambiente sociale, gli ESFJ spesso hanno una faccia allegra, e spargono ampiamente calorosità, cordialità e simpatia. Mentre gli Fi potrebbero pensare che questo eccesso, a volte, sia forzato o innaturale, la maggior parte degli ESFJ lo fa in maniera naturale, con buone intenzioni, in funzione dell’incremento dell’armonia circostante o per trovare il consenso altrui. Durante un conflitto, infatti, gli ESFJ faticano a prendere una posizione netta, ad analizzare obiettivamente i fatti (poiché il Pensiero Introverso è represso) e a criticare duramente quando sarebbe necessario: temono di turbare l’armonia sociale, che con grande fatica cercano di preservare.

Gli ESFJ si mostrano molto diversi con gli estranei piuttosto che con le persone che conoscono. In grandi gruppi, gli ESFJ possono sembrare consistentemente “positivi” nelle loro espressioni, poiché è parte del loro intento di coltivare buoni sentimenti e propositi sociali. In compagnia di amici intimi, comunque, sono molto più propensi a condividere le loro emozioni negative e i loro tormenti. E poiché le loro parole sono spesso intrise di emozioni, gli ESFJ possono sembrare un po’ drammatici o teatrali nelle loro espressioni. Mentre queste azioni sono spesso interpretate come “irrazionali”, specie dagli T dominanti o dagli Fi, in realtà gli ESFJ sono molto razionali, al punto che riferiscono accuratamente le emozioni che  hanno vissuto, quando le spiegano agli altri. In molti casi, a mente fredda o se viene dato loro il tempo per pensarci un po’, gli ESFJ rifiniranno o ammorbidiranno i loro giudizi iniziali, utilizzando le loro funzioni percettive (Si e Ne).

Gli ESFJ, comunque, hanno più difficoltà a percepire da soli le proprie emozioni, a causa del fatto che la funzione del Sentimento è estroversa, incentrata sugli altri. Conseguentemente, gli ESFJ non spendono molto tempo per capire le proprie emozioni, e spesso si affidano molto alla Si per scandagliare il loro mondo interiore. Quindi, quando si trovano coinvolti in circostanze complicate, tendono ad appoggiarsi agli altri per cercare supporto e consiglio. Esprimere se stessi tramite la Fe è critico per la loro salute fisica e psicologica, e per il loro benessere in generale. Anche se ciò non porta loro una risposta o soluzione immediata al problema, si sentono comunque meglio dopo che hanno espresso i loro sentimenti, tramite parole o tramite lacrime (ed è una cosa in comune a tutti gli **FJ). Sfortunatamente, genitori e insegnanti spesso non capiscono ciò, specialmente quando gli ESFJ sono bambini, così che sono costretti a reprimere i loro sentimenti, e in una cultura che richiede l’occultamento delle proprie emozioni possono sentirsi particolarmente incompresi.

La posizione dominante della Fe spesso fa sentire gli ESFJ come attivi e molto intenzionali. Gli ESFJ tendono a prendere se stessi e i loro comportamenti molto seriamente. Come gli E*TJ, sono efficienti e orientati verso i loro obiettivi, e si muovono velocemente tra una cosa e l’altra. All’osservatore esterno, ciò potrebbe non essere sempre evidente, poiché gli ESFJ passano molto del loro tempo nel relazionarsi con le persone. E l’interazione con le persone è una parte sostanziale della loro vita lavorativa, e spesso un lavoro è scelto proprio in funzione di questo.

Funzione secondaria/ausiliaria: Sensazione Introversa (Si)

Gli ESFJ utilizzano le funzioni ausiliarie (Si e Ne) in maniera simile agli ESTJ. Innanzitutto, non si preoccupano troppo di cercare nuovi stimoli sensoriali o di acquisire nuovi beni materiali. Al contrario, la Si permette agli ESFJ di godersi la routine e uno stile di vita prevedibile. Altre persone, specie se Intuitivi (Ne o Ni), potrebbero trovarlo molto soffocante e limitativo, cosa per niente avvertita dagli ESFJ: è il loro modo prediletto d’essere se stessi e di partecipare attivamente al mondo.

Quando combinata con la Fe, contribuisce a fornire sicurezza nei riguardi delle loro convinzioni e stili di vita;  questo fa a volte percepire gli ESFJ come cocciuti o chiusi mentalmente, mentre in realtà sono semplicemente sicuri dei loro giudizi, e se non sentono motivo di cambiarli, non li cambiano. La Si, inoltre, contribuisce a rafforzare la memoria degli ESFJ.

Come gli altri **SJ, gli ESFJ a volte agiscono come conservatori e “guardiani” del passato e dei modi tradizionali di fare le cose, tendono a rispettare le autorità e si aspettano che anche gli altri lo facciano. Non trovano motivo di cambiare un’etichetta, un’opinione o una gerarchia prestabilita, se non sono intimamente convinti che sia necessario farlo. Se i cambiamenti, poi, sono distruttivi e seminano discordia, tendono ad opporsi con forza ed energia ad essi. La prova è nel passato: se una cosa è andata bene precedentemente, allora è quasi certamente la soluzione più sicura e continuerà a essere così.

Inoltre, se gli ESFP tendono ad essere più modaioli e attirati da ciò che è affascinante (grazie alla Se), così come improntati a modificare il loro aspetto e abitudini in funzione di essa, gli ESFJ non hanno troppo interesse nel farlo. Ovviamente, gli ESFJ cresciuti con abitudini e tradizioni improntate in direzione della moda e dell’apparenza tenderanno ad assimilare queste tendenze, poiché la loro Si le fa vedere loro come delle norme da rispettare per stare bene nel mondo e relazionarsi meglio con le persone.

Gli ESFJ si fidano molto delle loro esperienze personali, e le preferiscono rispetto alle congetture astratte. Più spesso fanno qualcosa in un certo modo, più difficile sarà per loro uscire fuori da quel metodo, anche solo a livello teorico. Lo stesso può essere detto per le loro credenze e il loro modo di vedere il mondo. Da adulti, gli ESFJ tendono a mantenere le stesse opinioni così come le avevano costruite da giovani, e ciò può includere l’opinione politica e la religione. Maggiormente sono immersi in un particolare contesto e in particolari circostanze, più difficile potrebbe essere per loro aprirsi alle alternative.

Funzione terziaria: Intuizione Estroversa (Ne)

Come la Sensazione Estroversa (Se), la Ne è la funzione che ricerca le novità. Differisce dalla Se, comunque, poiché è più concentrata sulla ricerca di idee piuttosto che qualcosa nel mondo materiale/sensoriale. I Tipi possedenti la Ne sono molto incentrati sulla necessità di essere creativi, di fare connessioni tra fatti, di portare avanti nuove teorie o di vedere nuove possibilità al di fuori da quella che è l’esperienza e ciò che viene percepito dai cinque sensi.

Poiché la Ne è la funzione terziaria degli ESFJ, spesso essi hanno una relazione di amore/odio con essa. Da una parte, grazie ad essa, potrebbero sentirsi creativi, originali o alternativi; potrebbero, ad esempio durante una serata con gli amici, avere il desiderio di far apparire dal nulla commenti ritenuti divertenti (che lo siano o meno), oppure intavolare delle possibilità creative che magari poi tanto creative non sono. Molti ESFJ, comunque, impiegano la Ne nel loro mestiere, rendendolo di conseguenza più vario, originale o personalizzato, specialmente se riguarda l’innovazione nel loro modo di relazionarsi o di insegnare qualcosa.

Ciò che gli ESFJ non apprezzano della loro Ne è il modo in cui essa si inserisce malignamente, e semina l’incertezza nelle loro convinzioni e nel loro modo di vedere il mondo. Gli ESFJ cercano di avere una base chiara sulla quale basare la loro vita. E siccome le possibilità astratte non sono necessarie per questo loro proposito, prendere in considerazione idee che potrebbero contraddire il loro mondo potrebbe creare squilibrio. Spesso, infatti, sono fortemente critici e scettici quando vengono fornite loro nuove prospettive, anche se in fondo potrebbero desiderarle loro stessi.

Se gli ESFJ si sentono particolarmente minacciati dalla Ne, specie se destabilizza il loro sistema di valori, potrebbero cercare di bloccarla alla radice. Ciò che dovrebbero imparare è, invece, a considerare queste alternative, comprendere che non sono necessariamente malvagie, e imparare ad apprezzare un po’ di innovazione nel loro mondo.

Funzione inferiore/repressa: Pensiero Introverso (Ti)

Così come per gli altri Tipi, gli ESFJ potrebbero sentirsi accecati dall’intensità con cui la loro funzione inferiore influenza le loro decisioni e comportamenti. Senza una sufficiente consapevolezza e integrazione della loro inferiore, infatti, continueranno a sentirsi incompleti e inclini a prendere decisioni imprudenti per quanto concerne il loro modo di vivere, la carriera e le relazioni.

Per gli ESFJ, la funzione repressa si manifesta principalmente con la necessità di bilanciare l’interdipendenza con l’indipendenza, gli altri con se stessi. Poiché la Ti è una funzione introversa, ed è in posizione inferiore, gli ESFJ potrebbero sentire di non avere un grande controllo interiore, e soprattutto di non avere grande affinità con la logica. La percepiscono come qualcosa di effimero, evasivo e fumoso. Nonostante questo, però, si sentono attratti dalla presa che la Ti esercita sulla coscienza, e capiscono intuitivamente che essa è necessaria per una maggiore completezza di se stessi. Questo potrebbe portarli ad interessarsi alle occupazioni e agli argomenti più tipici da Ti dominanti (INTP-ISTP), così come potrebbero mostrarsi affabili e sicuri interiormente – anche se non lo sono.

Di conseguenza, gli ESFJ potrebbero sentirsi e vedersi come logici, indipendenti e autosufficienti. Potrebbero sbandierare le virtù del pensiero libero o lodare il valore dell’autocontrollo emozionale e della logica personale. Potrebbero anche mostrarsi come incredibilmente coscienti di se stessi, o credere di essersi “fatti da soli”. Inoltre, ad esempio, potrebbero leggere dei saggi o dei testi di divulgazione scientifica (o comunque di grande complessità logica) non tanto perché interessati a documentarsi, ma perché indirizzati dal desiderio della loro Ti di comprensione logica e di apprendimento, anche se in genere gli ESFJ leggono romanzi o storie. Potrebbero anche studiare materie come matematica, scienze, programmazione di computer, sospinti dalla Ti. Taluni si potrebbero considerare degli Introversi, a causa della grande influenza che la Ti ha su di loro, e che li affascina con la logica.

Ma così come gli altri Tipi sopravvalutano o male interpretano le abilità e il funzionamento della funzione inferiore, lo stesso è per gli ESFJ. In verità, gli ESFJ sono degli Estroversi, e sono molto più bravi nel capire e aiutare gli altri (Fe) che non a relazionarsi con se stessi (Ti); inoltre, gli ESFJ non sono così logici o indipendenti come immaginano di essere. Spesso sono incerti dei giudizi forniti dalla Ti, potrebbero convincere se stessi della veridicità di questi giudizi non analizzando i fatti così come sono, ma convincendo gli altri di essere logici, anche se non lo fanno volontariamente: più persone riescono a convincere della giustezza delle loro idee e convinzioni (Fe), maggiormente si sentiranno sicuri della veridicità della loro “logica”. Ma la maggior parte delle persone non si convincono perché ritengono giusta la logica della Ti, ma perché sono persuasi dalla Fe! Dopotutto, è proprio questa capacità di persuasione e di trattare con gli altri che fa degli ESFJ degli ottimi insegnanti e venditori, e il contributo che danno nel rendere il mondo un posto più caldo e accogliente è forse tra le cose più importanti che gli ESFJ riescono spontaneamente a fare.

Se alla fine del test è spuntata la scritta “potrebbe essere presente un loop”, allora ti consigliamo di leggere anche questa scheda!

Loop

Il Loop consiste nell’inversione delle funzioni centrali, l’ausiliaria e la terziaria, inversione che si presenta costantemente o solo in particolari situazioni. Cosa significa? Normalmente, ci sono una funzione estroversa e una introversa tra le prime due funzioni (Dominante e Ausiliaria) così come nelle ultime due (Terziaria e Repressa). In un Loop, questo equilibrio si spezza, portando ambedue le funzioni estroverse per i Tipi Estroversi in cima, ed ambedue le funzioni introverse per gli Introversi. Nel caso del Tipo ESFJ, il Loop consiste nello scavalcamento della Ne sulla Si, accostando Fe/Ne. Il Loop degli ESFJ e le sue conseguenze è in gran parte condiviso con il Tipo ENTP.

Il Tipo ESFJ tende generalmente a comportarsi in maniera impulsiva e talvolta manipolatrice, necessitando l’approvazione degli altri. Nel Tipo ESFJ con Loop, tuttavia, questa caratteristica si estremizza, rendendo gli ESFJ totalmente dipendenti dal giudizio, dalle apparenze e dall’impatto che si ha sugli altri, divenendo dunque incapaci di formare una sana e corretta autostima (ambedue le funzioni introverse sono in posizione inferiore, infatti!). Di conseguenza, gli ESFJ con Loop ricercano continuamente l’approvazione altrui su tutto ciò che fanno, saltando di qua e di là e divenendo a tratti ossessivi e paranoici (Ne).

Conseguentemente, i Loop particolarmente gravi rendono il Tipo ESFJ molto soggetto al Disturbo Narcisistico della Personalità. Trattasi di una patologia caratterizzata, appunto, da una percezione alterata di se stessi, definita “Sé grandioso”, dove tutto ciò che si fa è grandioso, perfetto, importante, straordinario ed epico, centrando tutto il proprio “amore” e attenzione su di se stessi, ignorando totalmente il resto del mondo e disdegnando le relazioni affettive e sentimentali. In realtà, come abbiamo visto, il Tipo ESFJ con Loop ricerca forte attenzione, necessita di costante approvazione del prossimo perché fortemente a disagio, insicuro e insoddisfatto di se stesso. Il narcisismo che si ostenta è dunque falso, che conduce verso comportamenti inconsapevoli e patologici. Con un riscatto delle funzioni introverse, l’ESFJ può riacquisire coscienza in se stesso e nelle proprie capacità interiori, liberandosi dalla necessità patologica dell’approvazione altrui.

Consigli generali per la crescita personale

Per comportarsi in maniera naturale e salutare, gli ESFJ dovrebbero indirizzarsi nel miglioramento delle loro capacità naturali (rappresentate dalla Fe e dalla Si), lasciando spazio alle necessità della logica e della razionalità (Ti) ma senza dare ad essa un peso estremamente eccessivo; anche se la tentazione potrebbe risultare irresistibile, spesso la Ti fa avere agli ESFJ un comportamento infantile e sregolato. Quindi, piuttosto che enfatizzare o sovrastimare la forza della logica e dell’indipendenza personale (Ti), è meglio per gli ESFJ lasciare che la loro identità si costituisca soprattutto tramite le loro relazioni e reti di conoscenze, oltre che il loro desiderio di stare ed aiutare gli altri (Fe). Inoltre, quando si tratta di aiutare se stessi, gli ESFJ dovrebbero scegliere saggiamente di includere altre persone nei loro problemi, piuttosto che organizzare e affrontare i loro pensieri ed emozioni da soli.

Una cosa importante per la crescita personale degli ESFJ riguarda il rapporto con gli altri, che costituisce una parte centrale della loro psiche. Spesso, gli ESFJ non si rendono conto di essere troppo critici: è importante anche accettare i lati negativi degli altri, e saper osservare i fatti un po’ più obiettivamente. Inoltre, come già accennato, spesso sono convinti di sapere cosa vada bene per gli altri, e potrebbero compiere delle scelte per loro senza consultarli: non sempre hanno ragione, però!

Soprattutto, è necessario che si premurino anche di loro stessi, ma siccome la Fe è estroversa, non si rendono facilmente conto delle loro personali necessità. Gli ESFJ dovrebbero, ogni tanto, fermarsi a pensare, scrivere i propri pensieri o stendere una lista di obiettivi e bisogni personali, assicurandosi di volta in volta di averli raggiunti, o di cambiarli se diventano insostenibili. Negare i propri bisogni per gli altri è il loro modo naturale di fare, ma spesso e volentieri risulta controproducente.

Fasi della vita

Fase 1 (Infanzia – 20 anni)

La Fase 1 è caratterizzata dall’impiego e sviluppo della funzione dominante, il Sentimento Estroverso (Fe). Gli ESFJ, dunque, possono sembrare inflessibili e cocciuti, veloci nel trarre giudizi e conclusioni sul mondo. Poiché i loro giudizi non sono ancora soppesati e bilanciati dalle funzioni Si e Ne, spesso hanno la tendenza a saltare facilmente alle conclusioni.

Gli ESFJ prendono generalmente se stessi e le loro vite molto seriamente. Anche da molto giovani, cercano l’eccellenza e l’ottimale in ogni cosa che fanno. Possono differire molto dagli ISFJ, che in questa fase sono più impegnati a percepire il mondo e assimilarlo, mentre gli ESFJ stanno già lavorando per cambiarlo e controllarlo.

Fase 2 (Fine adolescenza – 30 anni)

Una volta che la Fe dominante degli ESFJ raggiunge una certa soglia di forza e dominanza, la loro funzione inferiore (Ti) inizia ad esprimersi e a giocare un ruolo maggiormente prominente. Questo può essere molto confusionario poiché la Ti non è la successiva nella linea nella scala delle funzioni degli ESFJ; quindi, in questa Fase, gli ESFJ potranno sentire di essere molto squilibrati interiormente, insicuri, incapaci di valutare le scelte per se stessi, e spesso si comporteranno da martiri per gli altri. Dopotutto, trattandosi del periodo di ingresso nell’età adulta, non è facile per nessuno.

La Fase due degli ESFJ mostra, inoltre, un incremento dell’uso della loro funzione ausiliaria (Si), e potrebbero persino iniziare ad inserirsi la funzione terziaria (Ne). Queste funzioni percettive permettono agli ESFJ di ampliare, attutire e modificare i loro giudizi iniziali, e li aiutano a ammorbidire la loro tenace presa sulla vita, temperando la necessità di controllo e armonia esteriore della Fe.

Fase 3 (30-40 anni e oltre)

Se tutto va bene e se sono abbastanza fortunati da entrare nella Fase 3, gli ESFJ diventano sempre più coscienti dei modi insidiosi della loro funzione inferiore (Ti). Così come diventano più coscienti della loro inferiore e imparano a funzionare più salubremente come ESFJ, fanno esperienza di un bilanciamento maggiore tra la Fe e la Ti, così come un incremento del senso di pace e di completezza.

Hobbies Tipici

Volontariato, carità, attività in organizzazioni religiose, vacanze, famiglia, cucinare, intrattenimento, sport sociali.

Lavori Tipici

Insegnante, Logopedista, Receptionist, Assistente Amministrativo, Segretario/a, Libraio, Baby-Sitter, Esperto di risorse umane, Consulente, Infermiere/a, Medico generico.

Disturbi Psicologici più probabili

Ossessivo-compulsivo, Disturbo Narcisistico, Passivo-Aggressivo, Ansioso

Curiosità

  • Il tipo più frequente tra gli insegnanti.
  • Il tipo più frequente tra le donne con disturbi cardiaci.
  • Tra i più inclini a credere a un potere spirituale superiore.
  • Nei test, i tratti salienti sono: cordialità, affabilità, calore, lealtà, stabilità.
  • Nel lavoro, tendono a collaborare servire gli altri, ad essere leali all’organizzazione e all’ordine prestabilito, e cercano di facilitare il lavoro a tutti. Spesso, si caricano di responsabilità.
  • Tra i più soddisfatti dal lavoro, e i meno propensi a cambiarlo.
  • Tra i più soddisfatti dal matrimonio.

Gli ESFJ da bambini sono…

  • Molto allegri e ottimisti!
  • Avranno un sacco di energie!
  • Parleranno molto, e saranno generalmente molto espressivi.
  • Adorano correre, piuttosto che camminare!
  • Necessiteranno (e vorranno) abbracci, baci, coccole…ogni forma di espressione fisica.
  • La vita sarà considerata armonica, sarà apprezzata e valorizzata.
  • Devono avere tutto ordinato e a posto.
  • Leggeranno avidamente, e inizieranno presto.
  • Come scolari, saranno molto cooperativi e competitivi
  • Molto artistici, specie con disegni, gioielli e il fai-da-te.
  • A volte saranno fin troppo socievoli!
  • Potrebbero voler far quadrare ogni cosa, ma non per forza andrà bene.
  • Avranno una marcata tendenza al perfezionismo.
  • Ogni situazione non armoniosa li turberà molto.
  • Necessitano fortemente delle relazioni.
  • Molto interessati e leali…dei “bimbi ideali”!

Consigli per i genitori di bimbi ESFJ

  • Lasciateli comunicare, e siate pronti alla loro grande energia!
  • Dategli molta attenzione fisica, seguendo ciò che vogliono fare.
  • Abbracciateli, baciateli, coccolateli!
  • Incoraggiateli ad esprimere totalmente come si sentono, anche se lo faranno già di loro.
  • Siate precisi quando chiedete loro di fare qualcosa.
  • Cercate di non forzarli troppo.
  • Necessitano di costanti elogi e conferme; fategli osservare i loro lati negativi, ma non soffermatevi continuamente su essi.
  • Aiutateli a far capire che non è necessario prendere decisioni impulsive, e che la ricerca delle alternative è una cosa buona.
  • Abbiate molto tatto con loro.
Domande sul Tipo? Clicca qui!

Commenti

commenti

9 Comments

  1. Matteo

    Ciao! Ho fatto il cognitive quiz molte volte con risultati sempre diversi. Peró a quanto vedo il risultato é sempre estroverso. L’ultimo risultato é proprio questo, dell’ ESFJ. Per ultima c’é sempre la possibilitá(anche se la piú remota, la terza in ordine di probabilitá) che sia un INFJ. Quest’ultimo profilo mi sembra molto attendibile insieme a quello dell’INFP.
    In un test in inglese( questo http://www.humanmetrics.com/hr/JTypesResult.aspx) risulto quasi sempre appartenente a uno dei due profili di cui ti ho appena parlato, specialmente INFP.
    Secondo te quale dei due test é piú attendibile? Il cognitive si basa su considerazioni su se stessi, il secondo su gesti, azioni e risultati. Leggendo tipi psicologici di jung(non ancora terminato, in realtá) mi pare di aver capito che le persone si vedono in modo molto differente rispetto a quel che sono. In questo senso mi sema piú razionale capire una persona dalle sue azioni e non tanto da quel che vede in sé. Per questo credo che sia piú adatto il secondo test e quindi piú veritiero. Non ci tengo a fare il rompiscatole ma a capire a quale tipo appartengo xD

  2. Alex

    Ciao 🙂 tieni conto che anche un test su gesti, azioni e risultati, dal momento che lo fai tu e non qualcuno che ti conosce e vede dall’esterno, è in fondo un test di “considerazioni tue sui tuoi gesti, azioni e risultati”. L’obiettività assoluta non esiste, è difficile già nel valutare gli altri, e lo è ancora di più nel capire sé stessi.

    Per questo non penso ti possa aiutare particolarmente a capire il tipo una valutazione tra due test. Se statisticamente il secondo può anche avere una maggiore attendibilità, sul caso singolo può benissimo darsi che non sia così, e tu sei un caso singolo.

    Secondo me un buon metodo è quello di leggersi le funzioni e come agiscono, compresa quella repressa, e cercare di capire in quali ci si riconosce; e magari farle leggere a chi ci conosce bene e chiedere che ci valuti.

  3. Matteo

    Capito 🙂
    Un altra cosa: come si capisce il tipo psicologico di un personaggio famoso?

  4. Alex

    Se ha “prodotto” qualcosa in cui esprime se stesso come libri o interviste sufficientemente profonde, conoscendo bene i tipi psicologici e le funzioni in genere si riesce a capire. Il punto è che bisogna conoscerli bene, e il modo migliore è la pratica… purtroppo pur avendo curato io le descrizioni dei profili su questo blog (traducendo da siti inglesi e mettendo insieme le cose migliori) man mano che capisco nuove cose non riesco a starci dietro e aggiornare tutto; anche perché spesso servirebbero descrizioni più globali, che coinvolgano gli atteggiamenti di tutti gli IxxP, di tutti gli xSFx, ecc…

  5. Matteo

    Grazie delle informazioni 😀
    Alla prossima!

  6. Matteo

    Ciao Alex! Ho delle novità sulla questione del mio tipo psicologico, magari potrebbero rappresentare dei dati interessanti per il tuo studio:
    Quando ho letto il monologo del INFJ mi sono venute le lacrime agli occhi xD Provavo una sensazione strana, come se, finalmente, avessi appena trovato una prova dell’esistenza di qualcuno simile a me(sensazione rafforzata dalla descrizione degli INFJ in cui mi ritrovo davvero tantissimo!)
    Secondo te un evento del genere proverebbe la mia appartenenza a quel tipo psicologico? Ormai ci metterei la mano sul fuoco ma preferirei ascoltare il tuo parere 🙂
    P.S.:spero di non aver fatto del casino iniziando a commentare nella descrizione del ESFJ xD

  7. Alex

    Sì, a questo punto è quasi sicuro, ma nel tuo primo commento qui non avevi detto di averla già letta? xD

  8. Matteo

    Mmmmh…ricordo che il profilo del INFJ mi ha molto colpito e per un breve periodo, parlandone col mio compagno di banco, mi definivo INFJ(in quanto era l’ultimo risultato di un test). Poi altri test mi etichettarono come infp. Ad un certo punto ho deciso di studiare le funzioni singole e fare dei “puzzle” e poi vedere il tipo che si avvicinava di piú. Sono tornato al punto di partenza, col dubbio fra infp e infj. Ho letto di nuovo la descrizione del infp, abbastanza soddisfatto. Ma leggendo il profilo del infj
    mi sono…emozionato xD non so perché non é successo la prima volta in cui ho letto la descrizione… Forse perché avevo altri grilli per la testa xD

  9. Alex

    Che strano xD capito 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shared on wplocker.com